Archivi tag: IndyCar

Hedge

Indy NXT – Hedge con HMD. Abel e Sundaramoorthy completano per Abel Motorsports

Gran colpo dell’HMD Motorsports che si assicura per la prossima stagione dell’Indy NXT by Firestone i servigi di Callum Hedge, campione in carica della F.Regional Americas. Il 20enne neozelandese ha letteralmente dominato la serie propedeutica disputata sulle Ligier JS F3, vincendo la bellezza di 13 gare su 18, più altri 3 podi.

Qualche mese prima Hedge era arrivato alle calcagna del vincitore Charlie Wurz nella serie Oceania, che si disputa invece con le nostrane Tatuus FT-60.

11-10-Abel

In casa Abel Motorsports invece scontato rinnovo per Jacob Abel, il quale andrà ad affrontare la sua terza stagione nella serie cadetta, dove finora ha conquistato 3 podi, giungendo quinto lo scorso anno in classifica generale. Anche Abel è stato protagonista dell’ultima stagione della F.Regional Oceania, giungendo terzo grazie ad una serie di piazzamenti alle spalle di Wurz ed Hedge. Di ritorno nel team anche Yuven Sundaramoorthy, presente in 4 round della scorsa stagione.

Questi tre piloti sono stati protagonisti a fine ottobre del Chris Griffis Memorial, i test collettivi della categoria tenutisi presso l’infield dell’Indianapolis Motor Speedway. Per la cronaca a primeggiare è stato Louis Foster, quarto in classifica nel 2023 e Rookie of the year in carica, proprio davanti ad Abel e a Miles Rowe, campione in carica della USF Pro 2000.

La scorsa settimana invece diversi team si sono ritrovati a Barber Park. Ricordiamo che la serie prenderà il via il 10 marzo prossimo a St.Petersburg.

Piero Lonardo

Foto: HMD, Indy NXT

_4CJ0667

IndyCar – Romain Grosjean è il nuovo pilota del Juncos Hollinger

La notizia era nell’aria da settimane, specie dopo la conferma di Agustin Canapino e soprattutto dopo il divorzio, apparentemente consensuale, con Callum Ilott: Romain Grosjean è il nuovo pilota della DW12-Chevy #77 del Juncos Hollinger Racing.

Il pilota franco-svizzero, all’alba della sua quarta stagione IndyCar, si ritrova quale “prima punta” assoluta del team più emergente del paddock IndyCar, e porta in dote, insieme alla sua esperienza, i sei podi e le due pole position conquistate con il Dale Coyne Racing e con l’Andretti Autosport.

Per Ilott, di fatto scaricato anche a causa dei problemi di convivenza con “El Titan” e con la sua torcida a mercato piloti era già praticamente completato, le prospettive diventano marginali, con solamente il Team Foyt ed il DCR con sedili liberi, atteso che la quarta entry di casa Andretti potrebbe vedere il clamoroso ritorno di Tatiana Calderon mediante una partnership col Paretta Autosport.

Piero Lonardo

Foto: NTT IndyCar Series

10-25-Rasmussen

IndyCar – Rasmussen, programma parziale con Ed Carpenter. Vips, opzione ancora valida per RLL

Christian Rasmussen disputerà una stagione parziale presso l’Ed Carpenter Racing, disputando le dodici gare su circuiti stradali e cittadini, più la 108ma Indy 500.

La scolarship destinata al campione in carica Indy NXT, elevata quest’anno dopo il “caso” del 2022 con Linus Lundqvist, si è rivelata nuovamente decisiva e permetterà ad un altro giovane talento di esprimersi sulla monoposto più veloci del pianeta.

A fare da staffetta sugli ovali a bodo della DW12-Chevy #20, ancora una volta patron Ed Carpenter, alla 22ma stagione IndyCar, atteso che ad Indianapolis Rasmussen godrà della terza entry del team al fianco anche di Rinus VeeKay, alla sua quinta stagione nella serie.

Frattanto il Rahal Letterman Lanigan ha fatto presente di non aver terminato i suoi rapporti con Juri Vips. L’estone, che ha disputato le ultime due gare del 2023 per il team, rimarrà nell’orbita della squadra nonostante l’ingaggio full-time di Pietro Fittipaldi, con la possibilità di schierare addirittura una quarta vettura in alcuni eventi. Nel frattempo per il 23enne ex-F2 dovrebbe aprirsi la possibilità di un ingaggio fra le LM P2 del WeatherTech SportsCar Championship.

Piero Lonardo

Foto: NTT IndyCar Series

_JGS-2021-INDIANAPOLIS-500-86739-1

IndyCar – A sorpresa, RLL annuncia Pietro Fittipaldi

Pietro Fittipaldi sarà un pilota del Rahal Letterman Lanigan per l’IndyCar Series 2024: di poco fa l’annuncio che assegna la DW12-Honda #30.

Per Fittipaldi, come noto nipote del grande Emmo, si tratta di un ritorno nella serie dopo aver disputato sei gare nel 2018, immediatamente dopo aver conquistato il titolo nell’ultimo anno di vita delle World Series by Renault, con Dale Coyne. Il 27enne brasiliano è poi tornato alla guida delle monoposto IndyCar nel 2021, con un programma limitato ai big ovals, in alternanza con Romain Grosjean, sempre per il DCR w/Rick Ware Racing.

Carriera legata a filo doppio col franco-svizzero quindi, che ha anche sostituito nella griglia di partenza della F1 nei due atti finali della stagione 2020 a seguito del noto incidente del Bahrain al Team Haas, squadra dove ha svolto il ruolo di test and reserve driver fino all’attuale stagione.

Nel frattempo, Fittipaldi si è cimentato un po’ ovunque, dalla SuperFormula all’Asian F3 al DTM, ma soprattutto fra i prototipi, disputando due stagioni complete nei ranghi delle LM P2, con Inter-Europol in ELMS nel 2022 e quest’anno nel WEC con Jota Sport, aggiudicandosi il round di Monza lo scorso luglio. Quest’anno infine ha svolto anche il ruolo di terzo pilota nelle prime tre gare lunghe della Michelin Endurance Cup in IMSA per il Rick Ware Racing. Niente da fare quindi per Juri Vips, visto all’opera a Portland e Laguna Seca.

Piero Lonardo

Foto: NTT IndyCar Series

_1JGS-2023-THERMAL-328421-1

IndyCar – Capienza di 5.000 e prezzi alle stelle al Thermal Club. Lundqvist e Power provano Milwaukee. Canapino rifirma

Resi noti i dettagli della gara fuori campionato del Thermal Club, che metterà in palio un milione di Dollari nel lussuoso impianto californiano, già sede di test lo scorso febbraio.

Saranno 5.000 gli spettatori ammessi, al costo pro capite – udite udite – di 2.000 $. I soci del Thermal Club dal canto loro spenderanno invece 300 $. Il costo comprende l’ammissione all’impianto per tutto il weekend, i pasti e accesso al paddock.

Ora, è chiaro che si tratta di un impianto privato, quindi con le proprie regole per i facoltosi soci, e probabilmente questi biglietti costituiranno lauti premi per i manager delle tante aziende della zona, però non bisogna essere geni della matematica per capire che il milione di dollari di primo premio si ripagherà ampiamente.

Ad ogni modo, nel frattempo un paio di piloti sono andati a provare l’altra novità del calendario, il Milwaukee Mile. Linus Lundqvist e Will Power, in rappresentanza dei due motoristi, mercoledì hanno riportato le monoposto IndyCar sull’ovale del Wisconsin per permettere a Firestone di testare le gomme per il doubleheader del 31 agosto/ 1° settembre prossimi.

Infine, non con grande sorpresa, Agustin Canapino è stato confermato in seno al Juncos Hollinger Racing per un’altra stagione.

Piero Lonardo

Foto: NTT IndyCar Series

Aron_Siegel_Roe23

Indy NXT – Inizia a delinearsi lo schieramento 2024 in vista del Chris Griffis Memorial

Prime mosse di mercato nella Indy NXT by Firestone in vista del consueto appuntamento autunnale del Chris Griffis Memorial, i test collettivi delle categorie propedeutiche all’IndyCar Series, in programma venerdì 20 ottobre presso l’infield dell’Indianapolis Motor Speedway.

L’HMD ha già confermato tre dei piloti che hanno animato l’edizione 2023, vinta dal team in partnership col Dale Coyne Racing. In primis il Rookie of the Year Nolan Siegel, terzo in classifica generale alle spalle di Christian Rasmussen ed Hunter McElrea, vincitore di due gare sulle quattordici in programma, e che si presenta perciò come il pilota da battere.

A fargli compagnia altri due visi conosciuti: Reece Gold e Christian Bogle. Anche Gold, che aveva iniziato la stagione col Juncos Hollinger, ha già avuto il piacere di assaggiare il gradino alto del podio a Detroit, mentre Bogle, alla quarta stagione nella serie cadetta, spera in un definitivo salto di qualità dopo aver conquistato finora solamente due quarti posti quali migliori risultati in carriera.

Miles Rowe infine completa l’attuale roster con l’entry condivisa con Force Indy dopo la vittoria nella USF Pro 2000 nelle fila del Pabst Racing.

A fare da maggiore contraltare alla compagine diretta da Henry Malukas ovviamente il team Andretti, ora Andretti Global, che ha già annunciato un primo rookie in Bryce Aron. Il 20enne dell’Illinois proviene dalle categorie europee, e dopo un paio di stagioni nel GB3 (la F3 britannica), quest’anno è tra i protagonisti dell’Euroformula Open dove è attualmente quarto – posizione che non migliorerà in quanto non potrà essere presente al gran finale di Barcelona – con tre vittorie e cinque podi complessivi.

Di ritorno nell’orbita Andretti inoltre James Roe Jr., alla terza stagione nella serie, l’irlandese ha sfiorato la conquistato il primo podio ad Indianapolis, chiudendo il campionato in settima posizione.

Foster_Portland

Infine, di pochi minuti fa la conferma di Louis Foster, quarto classificato nella stagione di esordio conclusa con due vittorie, quattro pole position e sei podi complessivi.

Si attendono comunque ulteriori annunci nel corso delle prossime settimane, stanti i tanti volanti ancora a disposizione.

Piero Lonardo

Foto: Indy NXT

Larson_indy

IndyCar – Kyle Larson abile e arruolato per Indy

Anche Kyle Larson ha superato con successo ieri il Rookie Orientation Program che lo porterà a disputare la 108ma edizione della Indy 500. Come sappiamo Larson sarà il quinto pilota della storia a tentare il “Double” con la Coca Cola 600 a Charlotte nel medesimo weekend del Memorial Day.

Sotto lo sguardo attento di Tony Kanaan, nuovo direttore sportivo di Arrow McLaren, il campione della NASCAR Cup 2021 ha risolto la pratica in meno di due ore, segnando una miglior media di 217.898 mph in 72 giri complessivi.

Nella giornata odierna proseguiranno i test della nuova unità motrice ibrida che vedranno impegnati i neoacquisti di Arrow McLaren ed Andretti Global David Malukas e Marcus Ericsson, unirsi ad Alex Palou e Will Power, già impegnati ieri presso l’IMS.

Piero Lonardo

Foto: NTT IndyCar Series

10-11-Blomqvist-IC

IndyCar – Blomqvist, Lundqvist, Armstrong: tutti promossi a Indy. Oggi tocca a Larson

Conclusi con esito positivo nella giornata di ieri all’Indianapolis Motor Speedway i test dell’Indy 500 Rookie Orientation Program. Protagonisti Marcus Armstrong e Linus Lundqvist del Chip Ganassi Racing e Tom Blomqvist del Meyer Shank Racing.

Quest’ultimo, una volta completato il programma obbligatorio, è risultato il più veloce dei tre con una media di 220.176 mph, contro le 219.594 mph dell’ex-campione Indy Lights e le 219.252 del sophomore neozelandese, che quest’anno si appresta alla sua prima stagione completa in IndyCar, per un totale di 285 tornate totali compiute durante la giornata.

10-11-Linus-Dario

Ricordiamo che il ROP consiste di tre fasi: la prima in 10 giri da compiere tra 205 e 210 mph; a seguire 15 giri tra 210 e 215 mph ed infine ulteriori 15 tornate oltre le 215 mph, il tutto per garantirsi l’accesso alla 218ma edizione della Indy 500 a maggio.

Oggi si prosegue con Kyle Larson, quinto pilota a tentare il “double”, nelle fila dell’Arrow McLaren, il quale avrà la pista a disposizione per dalle 11.00 AM alle 2.00 PM locali. Prima e dopo test collettivi con il nuovo sistema ibrido applicato ai motori 2,2 V6 biturbo, che vedranno in azione il neocampione Alex Palou affiancato da Will Power, Colton Herta ed Alexander Rossi.

I test sull’unità ibrida, che ricordiamo debutterà nel season opener di St.Petersburg a marzo, proseguiranno nella giornata di venerdí.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar Series

Gro_Laguna

IndyCar – E Grosjean fa causa ad Andretti

Con un breve comunicato diffuso via social, Romain Grosjean ha annunciato di aver intentato una causa legale nei confronti dell’Andretti Autosport. Al team sarebbe contestato il fatto di aver appiedato il pilota franco-svizzero nonostante un contratto valido per il 2024. Questo il testo integrale del comunicato:

“Ho apprezzato lavorare col team IndyCar di Andretti Autosport e sono fiero dei successi che abbiamo condiviso nel corso di due stagioni. Sono grato per le tante amicizie sviluppatesi nel più alto livello delle gare di monoposto americane.

Mi aspettavo di continuare a correre con la brava gente di Andretti Autosport nei prossimi anni. Sono dispiaciuto che questo non sarà possibile ed auguro il meglio ai membri del team. Sto inseguendo altre opzioni che mi permettano di continuare la mia carriera in IndyCar alla ricerca dell’eccellenza.

Ho dato il via in Indiana ad una procedura di arbitrato contro l’Andretti Autosport, nel tentativo di proteggerei i miei diritti. Sarò rappresentato da John Maley e Mark Owens della Barnes & Thornburg, LLP.

Rispettosamente, Romain Grosjean”

Il 37enne Grosjean nei due anni trascorsi all’Andretti Autosport ha ottenuto tre secondi posti e due pole position, quasi lo stesso risultato della stagione parziale d’esordio con il ben meno quotato Dale Coyne Racing nel 2021, conclusa con tre podi ed una pole, ma mai la tanto agognata vittoria.

Ricordiamo che il team Andretti, fresco di ammissione da parte della FIA in F1, ha ingaggiato Marcus Ericsson, riducendo il proprio impegno nella serie da quattro a tre macchine per lo svedese, Colton Herta e Kyle Kirkwood. Vedremo se questa “tegola”, che vede protagonista il sopravvissuto per eccellenza della F1 moderna, potrà essere di qualche impaccio nell’inseguimento definitivo da parte di Michael Andretti all’undicesimo box della massima formula.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar Series

NXT-Schedule

Indy NXT – Ecco la schedule 2024: entra Milwaukee

Il Milwaukee Mile è la grande novità del calendario 2024 dell’Indy NXT by Firestone, appena rilasciato. L’ovale di West Allis si aggiunge, come nell’IndyCar, alla programmazione della serie cadetta, portando a tre le prove su ovale, tutte programmate nella parte finale della stagione.

Si parte come al solito a St.Petersburg, il 10 marzo, per proseguire con Barber Park un mese e mezzo dopo. Raddoppia l’appuntamento nell’infield di Indianapolis, a corollario del GP, quale conseguenza della cancellazione della seconda gara agostana, mentre al contrario salta la seconda gara di Detroit, che va a fare posto tra i 14 round, divenuti canonici dal 2022, alla new entry.

Assenti come lo scorso anno Long Beach, Toronto e qualsiasi superspeedway, a seguire nessun’altra variazione rispetto alla scorsa stagione, salvo lo spostamento di date tra Laguna Seca – il cui doubleheader si terrà ora a fine giugno –  e Nashville, che chiuderà il campionato a metà settembre, che si ripropone anche nell’Indy NXT.

Piero Lonardo

Foto: Indy NXT

Il calendario Indy NXT by Firestone 2024

Date Venue
Domenica 10 marzo Streets of St. Petersburg
Domenica 28 Aprile Barber Motorsports Park
Venerdì 10 Maggio Indianapolis Motor Speedway Road Course Race 1
Sabato 11 Maggio Indianapolis Motor Speedway Road Course Race 2
Domenica 2 Giugno Streets of Detroit
Domenica 9 Giugno Road America
Sabato 22 Giugno WeatherTech Raceway Laguna Seca Race 1
Domenica 23 Giugno WeatherTech Raceway Laguna Seca Race 2
Domenica 7 Luglio Mid-Ohio Sports Car Course
Sabato 13 Luglio Iowa Speedway
Sabato 17 Agosto World Wide Technology Raceway
Domenica 25 Agosto Portland International Raceway
Sabato 31 Agosto Milwaukee Mile
Domenica 15 Settembre Streets of Nashville