10-11-Harvey

IndyCar – Jack Harvey approda al Rahal Letterman Lanigan

Confermato nella giornata di lunedí un altro accordo che era già da tempo nell’aria: Jack Harvey è ora un pilota del Rahal Letterman Lanigan.

Il 28enne driver britannico correrà tutta la stagione 2022 dell’indyCar Series con la DW12-Honda #45, sponsorizzata dalla Hy-Vee.

Harvey, dopo due secondi posti nell’Indy Lights Series nel 2014 e nel 2015, ha disputato le ultime cinque stagioni col Meyer Shank Racing, aiutando la squadra dell’Ohio a crescere sino a divenire una forza consistente nella serie.

Il miglior piazzamento finora il terzo posto nel GP of Indianapolis nel 2019, ultima stagione disputata part-time dall’MSR, dopodichè sono giunti undici piazzamenti da top ten nella trenta gare degli ultimi due anni.

HyVee

La #45 (nella foto, in una delle tre diverse livree con cui verrà schierata in stagione) è stata quest’anno la terza vettura del team, schierata quest’anno in nove appuntamenti a partire dalla Indy 500 ed è stata portata in pista di Santino Ferrucci, Christian Lundgaard ed Oliver Askew

I primi due sono al momento i due candidati più papabili a prendere il posto di Takuma Sato, che ha chiuso il rapporto col team al termine della stagione appena conclusa.

Altra news odierna, la nomina di Levi Jones quale direttore dell’Indy Light Series, recentemente passata sotto il diretto controllo della Penske Corporation.

A Jones, 39 anni, ex-pluricampione e poi manager USAC, il compito di promuovere e rilanciare la serie cadetta, che ricordiamo assegna una scolarship di ben 1,3 milioni di Dollari per disputare almeno quattro gare compresa la Indy 500.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

GroAnd

IndyCar – Buona la prima per Grosjean e Jimmie Johnson a Indy

Nella giornata di mercoledí si è svolto il primo assaggio dell’Indianapolis Motor Speedway sulle monoposto IndyCar per Romain Grosjean e Jimmie Johnson.

I due rookie 2021 sono infatti stati protagonisti del ROP, Rookie Orientation Program, prova obbligatoria per poter competere sull’ovale più famoso del pianeta.

La prova per entrambi è stata interrotta prima del compimento dell’ultima fase del test, quella per intenderci a velocità più sostenuta (15 giri ad oltre 215 mph), causa pioggia, ma entrambi potranno riprendere il discorso il prossimo aprile, nel corso dei test collettivi previsti ad Indianapolis.

Per Grosjean si è trattato della prima uscita con la tuta giallo-rossa dello sponsor della DW12-Honda #28, insieme al connazionale,  pure lui transfuga Dale Coyne, l’ingegnere di pista Olivier Boisson, il tutto sotto gli occhi attenti del boss Michael Andretti, 16 partenze alla Indy 500, e di James Hinchcliffe, pole sitter 2016.

E’ buffo” ha affermato Grosjean. “Non ero tanto veloce, ma il giro era comunque di 200 mph, che è veloce, ma non ne hai la sensazione. E vai, liscio. Puoi immaginarti un sorpasso durante la corsa, come percepirne il momento giusto.”

10-6-JJ-ROP

Per il sette volte campione NASCAR invece i consigli di Dario Franchitti, Tony Kanaan, entrambi vincitori alla 500 Miglia, e Marcus Ericsson. Per Johnson l’IMS non rappresentava una novità assoluta, avendoci corso 18 volte con una stock car, ma occorreva sicuramente gestire la differenza di prestazioni, con le DW12 che garantiscono circa 25 mph in più al giro.

“L’unica cosa simile è la paura” ha detto JJ “Non credo faccia la differenza in che macchina sei, ma curva 1 sembra sempre di un raggio decisamente più ridotto. Sembra più difficile da affrontare di qualsiasi altra.”

Nel frattempo si è andato a concretizzare l’annuncio dell’addio di Takuma Sato al Rahal Letterman Lanigan. Il driver giapponese non correrà più insieme al team col quale ha trionfato per la seconda volta alla Indy 500, nel 2020.

A sostituire Sato dovrebbe essere Jack Harvey, anche se non è ancora stato diramato l’annuncio ufficiale, mentre il 44enne potrebbe approdare, sempre che non opti di chiudere la propria carriera, presso Dale Coyne.

Diffusi infine i calendari 2022 delle due serie propedeutiche ancora organizzate da Andersen Promotions, la Indy Pro 2000 e la USF 2000. Entrambe le serie chiuderanno a Portland il 4 settembre con un triple-header, partendo da St.Petersburg, per poi proseguire a Barber Park, IMS stradale, Lucas Oil Raceway, Road America, Mid-Ohio, Toronto e Gateway.

Ancora attesa invece per la schedule dell’Indy Lights, la cui gestione passerà dalla prossima stagione nelle mani della Penske Corporation, proprietaria dell’Indycar Series e dell’IMS.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar, Andretti Autosport

Kirkwin

Indy Lights – A Kirkwood non sfugge il titolo a Mid-Ohio

Kyle Kirkwood è il nuovo campione dell’Indy Lights Series. I risultati del season finale della Road to Indy di Mid-Ohio hanno decretato il successo dell’alfiere dell’Andretti Autosport, il quale diventa l’unico pilota ad essersi aggiudicato tutti e tre gli step della “ladder” verso l’IndyCar, dopo i titoli ottenuti a suon di vittorie in USF2000 ed Indy Pro nel 2018 e 2019.

Il weekend di Kirwkood, che sul circuito del Midwest aveva conquistato entrambe le vittorie nel primo weekend di luglio, era cominciato alla grande con una vittoria, la decima in stagione, ad eguagliare il record del compianto Greg Moore nel lontano 1995.

Gara 1, disputata in condizioni di pista asciutta, non è stata mai in discussione con Kirkwood a dominare dalla pole position e chiudere con oltre 6” di vantaggio in una gara caution-freee nei confronti del rivale David Malukas. Nuovamente a podio dopo una lunga assenza Robert Megennis, abile a prendersi al via la terza piazza dal teammate Danial Frost.

Kirkflag

Poche quindi le possibilità per il chicagoano, asfaltato da Kirkwood nel weekend di Laguna Seca, per rimontare i 22 punti di distacco alla vigilia di gara 2.

Stamane il circuito del Midwest si è svegliato sotto una fitta pioggia, sotto la quale è stato proprio Malukas a primeggiare tra le tante uscite di strada, leader compreso, nelle qualifiche, con Kirkwood solamente P5. In gara peró sulla pista ancora bagnata Malukas ha gettato via ogni chance andando largo allo start in curva 1.

Malukas, precipitato in fondo al gruppo, condotto dal compagno di squadra Linus Lundqvist, ha rimontato sino alla seconda piazza, aiutato da un paio di Full Course Yellow propiziate da Antonio Serravalle e Manuel Sulaiman, ma a Kirkwood è bastato mantenere la posizione di partenza per aggiudicarsi il titolo ed il milione e 300mila dollari di scolarship.

Per il 22enne di Jupiter, Florida, in programma anche un posto nella serie maggiore, ancora una volta nell’Andretti Autosport, anche se non si conoscono ancora i termini dell’accordo.

Completa il podio, oltre a Lundqvist, alla terza vittoria nella serie e terzo posto finale già acquisito da tempo, e Malukas, Benjamin Pedersen, per un podio tutto HMD, a coronamento del primo titolo nella serie per il team di Brownsburg.

RasmussenwinNelle altre categorie, successi finali e relative scolarship da spendere nelle categorie maggiori per il danese Christian Rasmussen del Jay Howard Driver Development in IndyPro e del brasiliano Kiko Porto del DEForce racing in USF 2000.

Portowin

Un appunto alla regia di quest’ultimo evento, affidata incredibilmente alle sole telecamere a circuito chiuso dell’autodromo. Speriamo che la nuova gestione dell’Indy Lights Series, affidata direttamente alla Penske Corporation, porti anche al tanto atteso incremento di visibilità (e di partecipanti) che la serie merita.

Piero Lonardo

L’ordine d’arrivo di Gara 1

L’ordine d’arrivo di Gara 2

 Foto: Indy Lights Series, Indy Pro 2000, USF 2000