Archivi tag: Dallara

06-17-Rosenqvist

IndyCar – Rosenqvist estende con McLaren: destinazione Formula E?

L’Arrow McLaren SP ha reso noto oggi di avere esteso la collaborazione con Felix Rosenqvist per il 2023 ed oltre.

Il 30enne driver svedese continuerà quindi a far parte del team di Zak Brown, col quale ha debuttato lo scorso anno dopo due stagioni col team Ganassi, anche se non è detto che il suo impegno futuro sarà collegato all’IndyCar Series.

Rosenqvist, che con McLaren ha fin qui conquistato una sola pole position in Texas quest’anno ma nessun piazzamento a podio (anche se va ricordato il bel quarto posto alla Indy 500), potrebbe infatti non fare parte del roster specifico, che dovrebbe essere esteso a tre vetture full-season, insieme al confermatissimo Pato O’Ward ed al nuovo acquisto Alexander Rossi.

McLaren infatti nella prossima stagione inizierà anche l’impegno in Formula E, categoria dove Rosenqvist ha già militato dal 2016 al 2019 col team Mahindra, conquistando tre vittorie, sei pole position e altri quattro podi.

Maggiori dettagli sulla composizione delle due squadre a tempo debito.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

06-21-Newgarden

IndyCar – Newgarden guida l’1-2-3 Penske nei test in Iowa

L’IndyCar Series ed i suoi team hanno approfittato della lunga pausa che separa Road America dalle gare successive per organizzare una serie di test, in vista del fitto calendario che li attende nel mese di luglio.

Si è iniziato ieri all’Iowa Speedway, che ospiterà l’unico doubleheader stagionale li 23-24 luglio. Presenti ben 19 piloti, con le sole assenze delle compagini di Andretti Autosport ed Ed Carpenter Racing, sono state le tre vetture del Team Penske a primeggiare.

Il trionfatore di Mid-Ohio, Josef Newgarden, ha preceduto, col tempo non ufficiale di 18”377 i compagni di squadra Will Power e Scott McLaughlin. A completare la top five il veterano Takuma Sato del Dale Coyne Racing e la sorpresa Christian Lundgaard dell’RLL.

Il programma di test proseguirà domani 23 giugno all’IMS dove, in previsione del Gallagher Grand Prix del 30/07, si ritroveranno in pista alcuni degli assenti, vale a dire l’Andretti Autosport al completo, il Paretta Autosport con Simona de Silvestro, più la stellina del team Foyt, Kyle Kirkwood, ed i due alfieri dell’Arrow McLaren SP, Pato O’Ward e Felix Rosenqvist.

Altri quattro piloti infine sono attesi lunedì 27 giugno presso il Sebring International Raceway, quale preparazione per le strade di Toronto e Nashville che affronteranno il 17/07 ed il 7/08 rispettivamente: si tratta del Rahal Letterman Lanigan al gran completo con Jack Harvey, Christian Lundgaard e Graham Rahal, più la novità Benjamin Pedersen, alla seconda stagione in Indy Lights, che proverà la vettura del Juncos Hollinger Racing.

A seguire tutti a Mid-Ohio per il giro di boa della serie nel primo weekend di luglio.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

CHRISTIAN-RASMUSSEN-TH23-JUNE-10-2022-06

Indy Lights – Rasmussen, finalmente la prima vittoria a Road America

C’è voluta una gara ancora una volta dilatata su due manches a Christian Rasmussen per aggiudicarsi la prima sospirata vittoria nell’Indy Lights Series, ed è una di quelle che contano perchè si è corso a Road America.

La prima parte di gara è stata spezzettata da diversi incidenti, l’ultimo dei quali vedeva Christian Bogle volare spettacolarmente sulle reti a protezione dell’esterno di curva 3. Pilota illeso ma lavori da porre in essere in tempo per la successiva gara IndyCar, per cui la direzione gara decideva, come qualche settimana fa a Indianapolis, di optare per la red flag e la ripresa dopo la bandiera a scacchi della serie maggiore.

Nel frattempo Sting Ray Robb, partito dalla pole conquistata ieri, aveva perso e riconquistato la leadership nei confronti del danese, invischiato all’ultimo restart al centro di in un pericoloso threewide di cui faceva le spese anche Benjamin Pedersen. Fuori anche Antonio Serravalle col motore ko e prima ancora Ernie Francis Jr. era costretto alla via di fuga col muso divelto.

Alla ripresa delle ostilità, Robb cedeva subito in curva 1 al compagno di squadra. Danial Frost partito in quarta posizione dietro Hunter McElrea terminava nell’erba mentre Matthew Brabham, penalizzato per blocking nella prima parte di gara, risaliva fino alla sesta piazza.

Le posizioni di testa nei 10 giri rimanenti rimanevano invariate con Rasmussen al primo successo nella serie davanti a Robb e McElrea, col capoclassifica Linus Lundqvist a limitare i danni agguantando la quarta piazza su Jack Abel.

In classifica generale Lundqvist conduce con 315 punti contro i 283 di Robb e i 218 di Pedersen, classificato undicesimo.

Per l’Indy Lights Series, come per la serie maggiore, una breve pausa fino al tour de force di luglio, che inizierà il 3/07 a Mid-Ohio.

Piero Lonardo

I risultati delle Qualifiche

L’ordine di arrivo

Foto: Indy Lights

Newg

IndyCar – Newgarden a Road America vendica il finale 2021

Josef Newgarden è il primo pilota ad aggiudicarsi tre gare nell’IndyCar Series 2022 trionfando a Road America, dove lo scorso anno fu beffato nel finale da un problema tecnico.

L’alfiere del Team Penske è stato dominante: a parte la Firestone Top Six di ieri, dove è stato uccellato da Alexander Rossi, quest’oggi non ha avuto bisogno di strategie particolari per portare a casa il milione di dollari di premi extra, da dividersi equamente insieme ad una charities di sua scelta, destinato al vincitore di una corsa per ogni tipologia: ovale, cittadino, stradale.

Uno start tribolatissimo caratterizzato da ben tre Full Course Yellow consecutive lasciava davanti Rossi su Newgarden e Marcus Ericsson. Il vincitore della Indy 500 buttava fuori nientemeno che il teammate Alex Palou. Il campione in carica, visibilmente contrariato, rientrava solo 10 giri dopo a seguito degli interventi atti a riparare la sospensione anteriore rovinata nel contatto.

Altra vittima dello start Will Power, toccato da Devlin de Francesco (il trionfatore di Detroit prometteva vendetta in diretta radio) e prima ancora Jimmie Johnson, fuori in curva 3 grazie e Tatiana Calderon. Sia Power che JJ potevano comunque riprendere.

La svolta al lap 15 con la prima sosta e Newgarden che esce davanti a Rossi. Due tornate dopo era la volta di Ericsson, uscito davanti dopo un overcut, a cedere al bicampione.

Autori di una strategia alternativa, Felix Rosenqvist e Graham Rahal ciclavano al comando durante la successive sosta ma ormai era fatta, con Newgarden a difendere in scioltezza il cuscino nei confronti di Rossi. Alle spalle del gruppetto di testa si facevano largo Colton Herta e Romain Grosjean, ma la rincorsa dell’accoppiata Andretti si interrompeva per la defaillance di Pato O’Ward – altra giornata sfortunata la sua – fermo col motore ko a 8 giri dal termine.

Ancora una volta il primo restart al lap 50 non andava a buon fine a causa dell’ingenuo testacoda in accelerazione da parte di Helio Castroneves all’ultima curva, ma al secondo, con soli tre giri utili, Ericsson era abilissimo ad evitare la bagarre alle sue spalle e a dirigere le attenzioni su Rossi, che gli finiva alle spalle, dietro a sua volta a Newgarden.

Ultimo sussulti con Grosjean che passava Herta, il quale rischiava anche di perdere la quinta piazza a favore di Rosenqvist. Completano la top ten Scott McLaughlin, Graham Rahal, Scott Dixon e Christian Lundgaard, migliore fra i rookie. Power, che nel finale si toccherà anche con Rinus VeeKay, terminerà 19mo e perde cosí la leadership nella serie che torna nelle mani di Ericsson, cui rende 27 punti. A seguire Newgarden a -32 e O’Ward a -45.

L’IndyCar Series tornerà il 3 di luglio per il primo di ben cinque appuntamenti nel mese, a Mid-Ohio.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

L’ordine di arrivo

_P5A2240.JPG

IndyCar – Rossi torna in pole a Road America

Alexander Rossi da quando ha ufficializzato il passaggio all’Arrow McLaren SP sembra rinato, cosí come la sua #27, e dopo il gran finale di Detroit di domenica scorsa, conquista la sua settima pole position nell’IndyCar Series a Road America, ben tre anni dopo quella di Detroit-1 nel 2019.

Rossi, che aveva segnato il miglior tempo anche nelle prime libere di ieri, sessioni portate in via sperimentale a 75’ ma fornendo solo un treno extra di alternate, ha dominato la Firestone Fast Six col tempo di 1.44.8656 dopo esservi entrato per il rotto della cuffia, buttando fuori il teammate Romain Grosjean.

A fargli compagnia in prima fila lo sfortunato protagonista dello scorso anno, Josef Newgarden, distanziato di appena 7 centesimi, mentre in seconda fila si accomodano il campione in carica Alex Palou ed il sempre più costante Marcus Ericsson. A seguire Colton Herta, incapace di ripetere il tempone della Top Twelve, e Pato O’Ward.

Ancora una volta qualifiche non eccezionali per il dominatore dell’ultimo round, Will Power, fuori già nel Q1, partirà dall’ottava fila. Meglio è andata ad un altro dei protagonisti, Scott Dixon, P10 dopo l’interruzione causata dal fuoripista di Callum Ilott, approdato ancora una volta tra i primi dodici.

_1JGS-2022-ROAD-AMERICA-184288-1

Il ritorno infine di Simona De Silvestro su un tracciato stradale dopo sette anni vale la posizione in fondo alla griglia, ma considerato come era cominciato, con i freni posteriori in fiamme dopo qualche tornata nelle libere 1, è da considerarsi un grande risultato per il Paretta Autosport gestito in pista con la collaborazione dell’Ed Carpenter Racing, che non riesce a piazzare al meglio nemmeno i suoi due giovani leoni, Rinus VeeKay e Conor Daly, i quali occuperanno la nona fila.

UPDATE: Colton Herta sarà retrocesso di 6 posizioni in griglia per aver sostituito il motore tra le qualifiche e la gara della Indy 500.  La penalità non è stata applicata a Detroit, in quanto il motore incriminato è stato in prima battuta ecuperato per la gara del Michigan, ma è stato infine installato a Road America, scatenando l’applicazione della norma regolamentare.

Lo start della gara domani alle 12.45 PM ET, cioè alle 18.45 nostrane. Diretta a pagamento sui canali Sky.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2

I risultati delle Qualifiche

06-09-RoadAmerica

IndyCar – A Road America con la novità Paretta

Non solo Le Mans (o F1) nel panorama motoristico del weekend. L’indyCar infatti ritorna dopo una sola settimana dallo spettacolare finale di Detroit, è di nuovo in scena con uno degli appuntamenti più attesi, in quel di Road America.

Sull’iconico tracciato del Wisconsin saranno 27 le vetture a darsi battaglia, grazie al debutto stagionale del Paretta Autosport, il team al femminile che riporterà in griglia Simona de Silvestro.

Ritorno al volante anche per Callum Ilott dopo l’incidente della Indy 500 sulla vettura del Juncos Hollinger Racing.

In classifica generale, il trionfatore di Detroit, Will Power, dovrà difendere la neoleadership acquisita a sfavore di Marcus Ericsson, Pato O’Ward ed Alex Palou, che qui lo scorso anno consolidò le chances di scalata al titolo, tutti racchiusi in appena 14 punti.

Le ostilità in pista inizieranno nella giornata odierna alle 4.25 PM ET con le prime libere. Qualifiche domani alle 1.45 PM ET, vale a dire alle 19.45 italiane e start della gara alle 12.45 PM ET di domenica 12 giugno, pari alle 18.45 nostrane. Diretta a pagamento sui canali Sky.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

Power

IndyCar – Capolavoro Power a Detroit

Will Power si aggiudica la sua prima gara dell’anno sulle strade di Detroit-Belle Isle. A coadiuvare il campione 2014 un Team Penske impeccabile nella strategia sulle tre soste – oggi vincente alla faccia delle previsioni della vigilia rispetto a quella a due – ma il lavoro in pista dell’australiano è stato da incorniciare, favorito anche da una gara insospettabilmente completamente green.

C’era sicuramente da “vendicare” lo sfortunato finale di gara 1 del 2021, con la macchina che non si riavviò in regime di bandiera rossa, ma Power, partito dalla 16ma piazzola dopo le disastrose qualifiche di ieri, grazie alle black ha potuto rimontare sin dalle prime battute, alle spalle del teammate Josef Newgarden, partito dalla pole.

Newgarden ha tenuto eroicamente con le “alternate” sino al lap 20, poi ha dovuto cedere a Power, che invece ha riservato le gomme piú morbide per il finale. Da dietro emergeva prepotente Alexander Rossi, rinfrancato dalle prospettive future con McLaren, che le red obbligatorie le aveva già sfruttate nei primi cinque giri.

Rossi, che manca dalla vittoria nientemeno che da Road America 2019, si è lanciato in un furioso inseguimento, che nel momento dell’ultimo pit del leader, costretto da regolamento a calzare le red, scontava 16” a 20 giri dalla chequered flag,

Fortunatamente per Power non c’è stata nessuna interruzione, cosicchè la DW12-Chevy #12 poteva transitare sul traguardo con Rossi negli specchietti.

Completano la top five Scott Dixon, Josef Newgarden e Pato O’Ward. Il messicanino, trionfatore qui in gara 2 nel 2021, ha seguito la strategia del polesitter, mentre il quasi vincitore dell’ultima Indy 500, cosí come il campione in carica Alex Palou, che termina in P6, aldilà del fatto che hanno corso con le alternate nello stint intermedio, sono semplicemente stati meno efficaci del vincitore.

Grande rammarico per Kyle Kirkwood, il quale lisciava il muro con le gomme fredde in odore di top five al lap 49, cosí come Helio Castroneves, costretto presto al ritiro per un problema di elettronica, mentre Felix Rosenqvist dl canto suo riusciva a chiudere la top ten partendo dalla 25ma posizione in griglia. Appena fuori dai primi 10 David Malukas, ancora una volta migliore tra i rookies; nella top ten manca Rinus VeeKay, nelle gomme all’utimo giro.

In classifica generale il vincitore della Indy 500, Marcus Ericsson, oggi settimo, perde la leadership a favore di Power (255 punti contro 252) P3 per Pato O’Ward a quota 243 inseguito s sua volta da Alex Palou a 241.

L’IndyCar Series ritornerà già il prossimo weekend con il tradizionale appuntamento di Road America. Lo scorso anno trionfó Alex Palou grazie alla defaillance nel finale della vettura di Josef Newgarden

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

L’ordine di arrivo

06-05-Lights-Sunday-Race

Indy Lights – Lundqvist chiude il weekend perfetto a Detroit

Linus Lundqvist esce dal weekend di Detroit-Belle Isle a punteggio pieno, aggiungendo anche la vittoria in gara 2. Il pilota svedese dell’HMD ha condotto la seconda parte di questo doubleheader ancora una volta dall’inizio alla fine, partendo dalla pole position conquistata nella primissima mattinata di ieri.

Disfatta completa invece per Christian Rasmussen, il quale ha ripetuto il medesimo errore di ieri in curva 5, terminando anzitempo la propria gara. Peccato perchè l’alfiere dell’Andretti Autosport era riuscito ad uccellare il teammate Sting Ray Robb già al via e “vedeva” il podio.

Per l’arma Andretti una giornata non totalmente da buttare perchè dietro l’imprendibile Lundqvist si piazzavano Hunter McElrea, al secondo podio stagionale, Sting Ray Robb ed il solito, solido, Matthew Brabham.

Benjamin Pedersen, penalizzato dalla pessima posizione di partenza, frutto della defaillance in qualifica, riusciva a rimontare sino alla sesta piazza terminando dietro a Danial Frost, e mantiene cosí la seconda posizione in classifica generale, ancorchè a ben 84 punti da Liundqvist, alla quarta vittoria in sei gare.

Giornata sfortunata anche per Christian Bogle, ko in turn 13 dopo il quarto posto di ieri, mentre Jacob Abel ha terminato nonostante un problema alle sospensioni posteriori, messe a dura prova dai bump del cittadino.

La serie cadetta tornerà già il prossimo weekend sull’iconico tracciato di Road America.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo di Gara 2

Foto: Indy Lights

Newg_Det

IndyCar – Newgarden, pole position in casa a Detroit

Josef Newgarden torna in pole position sulle strade di Detroit per il settimo appuntamento dell’IndyCar Series 2022. L’alfiere del Team Penske, col “Captain” che qui funge anche da organizzatore della gara, ha approfittato al meglio delle sue “alternate” per piazzare il tempo di 1.15.2153 nella Firestone Fast Six, superando nel finale Takuma Sato di oltre un decimo. Per Newgarden si tratta della 16ma pole in carriera, la prima del 2022.

Resurrezione anche per il Meyer Shank Racing, che piazza sia Simon Pagenaud che Helio Castroneves in seconda fila, con David Malukas e Pato O’Ward – ricordiamo qui lo scorso anno vincitore di gara 2 – a chiudere i primi sei.

Proprio il rookie del Dale Coyne Racing, squadra che qui nel Michigan ha trionfato con Mike Conway nel 2013, è stato la sorpresa di queste qualifiche, chiudendo davanti a tutti il secondo gruppo del Q1 e terminando alle spalle di O’Ward, autore della migliore prestazione del weekend con 1.14.6681, nella Top Twelve.

Il secondo round è peraltro terminato anticipatamente a causa del duro contatto da parte di Romain Grosjean, qui con una livrea su base verde, che ha impedito ai piloti ancora in pista di completare l’ultimo giro su una pista che andava progressivamente migliorandosi.

Fuori dalle prime file quindi Colton Herta, il vincitore della Indy 500, Marcus Ericsson, che qui aveva approfittato delle disgrazie altrui per conquistare la sua prima vittoria nella serie lo scorso anno in gara 1, e Scott Dixon.

Sfortuna anche per l’altro grande sconfitto di Indy, Alex Palou, out già nel primo turno, come peraltro Felix Rosenqvist. Lo svedese, autore di un violento crash nelle prime libere di ieri (ricordiamo che lo scorso anno fu costretto a saltare la gara per incidente), è stato ritenuto reo di aver ostacolato Jimmie Johnson all’uscita dai box, e sarà costretto a partire dal fondo; curiosamente, la direzione gara non ha applicato il medesimo peso nei confronti di Palou, che sostanzialmente ha effettuato la stessa manovra nei confronti di Will Power.

Menzione d’onore per Kyle Kirkwood, che dopo aver dominato le libere 1, stamane ha picchiato duro in curva 7 a seguito di un contatto provocato nei confronti dell’incolpevole Malukas.. Non bastasse, nonostante gli sforzi del Team Foyt per rimetterlo in pista, nel Q1 il neoacquisto dell’Andretti Autosport, che qui lo scorso anno in Indy Lights fece doppietta, ha dovuto scontare un drive through per speed violation ed alla fine partirà solo dall’ottava fila, dietro alle due vetture dell’Ed Carpenter Racing di Conor Daly e Rinus VeeKay.

Non ha partecipato alle qualifiche Dalton Kellett, pure autore di una rovinosa uscita di strada al termine delle Libere 2.

Domani il via della gara, l’ultima sull’isola di Belle Isle in attesa del cittadino del 2023, alle 3.30 PM ET, pari alle 21.30 italiane, preceduta da un breve warm-up. Diretta in pay-tv sui canali Sky

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2

I risultati delle Qualifiche

Manhattan - 5-31-2022 NYC

Indy Lights – Lundqvist domina ed allunga in gara 1 a Detroit

Linus Lundqvist sembra inarrestabile sulle strade di Detroit-Belle Isle. Il capolista dell’Indy Lights Series ha dominato le qualifiche conquistando in primissima mattinata la pole per entrambe le gare di questo doubleheader per poi procedere incontrastato per tutti e 25 i giri di gara 1.

Il maggiore valore aggiunto di questa vittoria, la terza su cinque gare dell’alfiere dell’HMD Motorsports, sta nel fatto che quasi tutti i major contender si sono autoeliminati.

Per primo Christian Rasmussen, che al lap 4 si girava in curva 7 nel passare Jacob Abel per la settima piazza, terminando la gara di quest’ultimo ed incassando l’inevitabile penalizzazione per avoidable contact che lo lasciava in fondo al gruppo dei 14 starter.

Il pilota danese si faceva subito largo tra le retrovie ma chiuderà la gara anticipatamente a 7 tornate dal termine per un lungo in curva 5. A seguire Sting Ray Robb, che nel tentativo di sorpassare Benjamin Pedersen per la seconda piazza nella solita curva 7, si girava picchiando anch’egli sulle gomme, perdendo un paio di giri per sistemare alla bell’e meglio il posteriore della sua IL-15.

Anche Hunter McElrea arrivava lungo – sempre curva 7, d’altra parte forse l’unico punto in cui è possibile tentare un sorpasso su questo cittadino  – e perdeva tre giri ai box per le riparazioni.

Infine Danial Frost, presentatosi secondo in classifica generale, il quale pur resistendo nel finale agli attacchi di Matthew Brabham ancora una volta ispirato dai muretti per il gradino basso del podio, si ritrovava inaspettatamente senza potenza e veniva sfilato da tutto il lotto.

Lundqvist quindi con questa vittoria allunga il proprio vantaggio in classifica generale col solo compagno di squadra Pedersen a mantenere il passo, ora in P2 a -58 punti. Dietro Brabham, ancora una volta il più concreto della pattuglia Andretti nonostante l buoni risultati delle libere di ieri, completano a giri pieni Christian Bogle, Kyffin Simpson, Antonio Serravalle, James Roe e Ryan Phinny.

Domani in programma gara 2 alle 12.00 PM locali, pari alle ore 18 nostrane. Diretta streaming gratuita sul sito IndyCar  https://www.indycar.com/IndyLights/OTT/IL-stream previa autenticazione.

Piero Lonardo

I risultati delle Qualifiche 1

I risultati delle Qualifiche 2

L’ordine di arrivo di Gara 1

Foto: Indy Lights