33

IndyCar – Dixon, gran favorito dei bookmakers, dietro Palou nelle libere finali

Ad Alex Palou l’ultimo sigillo nelle ultime libere di lunedi prima del Carb Day. Il campione in carica ha siglato la miglior media con 229.441 mph davanti al polesitter, Scott Dixon. Ricordiamo che le vetture sono tornate alle potenze da gara.

Come nelle qualifiche si è assistito ad uno strapotere delle vetture del Team Ganassi; nella top five infatti figurano anche Jimmie Johnson e Marcus Ericsson, con il solo Takuma Sato in P4. La quinta vettura del team di Tony Kanaan ha concluso con la 22ma prestazione.

Tra i grandi sconfitti delle qualifiche, Josef Newgarden ha piazzato la sesta prestazione davanti a Conor Daly, Marco Andretti, Sage Karam e Sijmon Pagenaud, mentre Rinus VeeKay, che occuperà la terza piazzola, è stato il migliore dei “no-tow”, ancorchè con il 25mo tempo.

Primi giri per Stefan Wilson dopo il forfait nelle qualifiche (partirà comunque dall’ultima piazzola), e primo contatto a muro dell’intera settimana per Dalton Kellett, che ha battezzato le barriere in curva 1.

Dixon risulta poi chiaramente il favorito per i bookmakers statunitensi, i quali danno molto credito anche ad Alex Palou, con quote abbastanza ravvicinate. Sempre per le maggiori agenzie la terza forza risulta essere non Rinus Veekay bensí Pato O’Ward, con alcune preferenze anche per Colton Herta nonostante le qualifiche non proprio ottimali del rampollo di Andretti Autosport. A seguire l’intera armata Penske e, indovinate un po’, Jimmie Johnson, con probabilità di vittoria simili a quelle del due volte vincitore Takuma Sato.

Ora le vetture riposeranno in attesa del Carb Day di venerdí, che prevede tre ore di pista dalle 11.00 AM ET alle 1.00 PM ET. A seguire la tradizionale Pit Stop Competition. Al momento non è prevista una copertura dalla Pay-tv nemmeno per questa giornata.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

I risultati delle Libere finali

Dix

IndyCar – Quinta clamorosa pole per Scott Dixon a Indy

Chi dava per bollito Scott Dixon dopo il titolo conquistato dal giovane rampante di casa Ganassi, Alex Palou, si è sbagliato di grosso. Il 41enne kiwi infatti oggi ha conquistato la quinta pole position alla Indy 500, proprio in faccia al compagno di squadra.

Il sei volte campione IndyCar, dopo aver guidato le ultime libere del mattino, ha dominato la Top Twelve e poi anche la Fast Six, che per la prima volta ha ulteriormente movimentato questo Pole Day, alla media di 234.046 mph, in un clamoroso back to back dopo quella dello scorso anno.

Va detto che il team Ganassi ha piazzato quattro delle cinque vetture tra le prime sei. Solo Jimmie Johnson ha fallito l’obiettivo, dopo però un grande salvataggio del sette volte campione NASCAR al primo dei quattro giri in curva 2.

Unici a contrastare seriamente lo strapotere Ganassi, i due alfieri dell’Ed Carpenter Racing, Rinus VeeKay ed il patron Ed, che occuperanno la terza e la quarta piazzola, davanti a Marcus Ericsson e Tony Kanaan.

Fuori dai primi sei, oltre a JJ, che chiuderà la quarta fila, nell’ordine, Pato O’Ward, Felix Rosenqvist, Romain Grosjean, Takuma Sato e Will Power.

Lunedí una nuova sessione di libere a potenze ridotte dalle 1.00 PM ET alle 3.00 PM ET poi riposo fino al Carb Day di venerdi, preludio alla 106ma Indy 500 di domenica, ore 11 AM ET.

Piero Lonardo

Foto: IMS

I risultati della Top Twelve

I risultati della Fast Six

VeeKay

IndyCar – VeeKay guida la Top Twelve nella prima giornata di qualifiche a Indy

Il meteo ha giocato un ruolo determinante nella prima giornata di qualifiche della 106ma Indy 500. Oggi come non mai l’ordine di uscita, determinato mediante sorteggio ieri sera, è stato il massimo fattore per assegnare le prime dodici posizioni che domani si giocheranno la pole position.

Rinus VeeKay, autore della miglior media sui quattro giri di 233.655 mph, è infatti uscito per secondo, dopo che l’ora di libere del mattino ha visto il patron Ed Carpenter al top davanti al trio Ganassi composto da Scott Dixon, Jimmie Johnson ed Alex Palou.

Prima di lui Pato O’Ward, seconda miglior media, e sempre tra i primi Felix Rosenqvist, Romain Grosjean e Jimmie Johnson, tutti saldamente tra gli “eletti”, cui si sono uniti Tony Kanaan, Scott Dixon, Alex Palou, Ed Carpenter e Marcus Ericsson.

Grossa suspence invece per Takuma Sato. Il dominatore delle libere, uscito per decimo, guadagnava la decima prestazione ma il tempo veniva annullato dalla direzione gara per non essere rientrato immediatamente in pitlane, ostacolando l’outlap di Marco Andretti.

Il secondo tentativo lo riportava in P12, bumpando il teammate David Malukas, che a sua volta aveva estromesso Josef Newgarden. Il Team Penske, che come l’ECR fin qui ha sempre puntato alla prestazione pura, alla fine riesce ad inserire solamente Will Power tra i primi dodici, con Scott McLaughlin autore di una seconda prestazione che lo sbalza dalla P15 alla P26.

Juan Pablo Montoya e Colton Herta hanno effettuato i loro tentativi in coda al gruppo, il primo per un non meglio specificato componente rotto che ha impedito alla Arrow McLaren #6 di scendere per nona, ed il secondo per un problema al motore. Stefan Wilson dal canto suo non è riuscito ad allineare la vettura del Cusick Racing per il medesimo problema.

A parte Sage Karam, Callum Ilott, Helio Castroneves, Alexander Rossi e Marco Andretti, i quali hanno migliorato, ancorchè non in maniera sensibile, ed i già citati Sato, Malukas e McLaughlin, ulteriori tentativi sono stati vanifiicati dai fulmini e dalla temuta successiva pioggia, che hanno impedito il proseguimento delle qualifiche, al punto di dichiararne il termine in anticipo.

Domani si inizierà con 90’ di libere, dalle 12.30 PM ET, per poi proseguire, a partire dalle 4.00 PM ET, pari alle 22 italiane, con i due turni di qualifiche che assegneranno le prime quattro file. Diretta a pagamento – bontà loro -  di quest’ultima parte sui canali Sky.

Piero Lonardo

Foto: Ed Carpenter Racing

I risultati delle Libere 6

I risultati delle Qualifiche – Day 1

SatoFF

IndyCar – Chi fermerà Sato nelle qualifiche ?

Anche oggi Takuma Sato è stato il più veloce sull’ovale di Indianapolis. Il due volte vincitore infatti primeggia nella lista dei tempi anche nel cosiddetto Fast Friday, dove le 33 vetture iscritte provano le vetture con le potenze da qualifica.

L’alfiere del Dale Coyne Racing a meno di mezz’ora dalla fine ha staccato la media di 232.789 mph, senza l’aiuto di traino, in una simulazione di qualifica, staccando dell’equivalente di un 15 centesimi – un’eternità per l’IMS – Alexander Rossi, fino a quel momento il più veloce in pista.

A seguire praticamente tutti i protagonisti delle libere, a partire da Pato O’Ward, Marcus Ericsson, Scott Dixon, Felix Rosenqvist e David Malukas. Quest’ultimo è stato il più attivo in pista con 39 giri compiuti. Bene anche la pattuglia Penske, che piazza il suo trio completo di DW12-Chevy intorno alla top ten.

Dai migliori di queste ultime giornate manca Jimmie Johnson, P17, protagonista dell’unica toccata a muro fin qui in curva 2, senza conseguenze per il pilota.

DalyFF

Da segnalare la velocità monstre ottenuta da Conor Daly, 243.724 mph, alla speed trap di curva 3, la più elevata di sempre.

Domani il programma proseguirà con le qualifiche, anticipate alle 11.00 AM ET causa minaccia di pioggia, precedute da un’ora di libere, suddivisa tra i due gruppi di vetture, a partire dalle 8.30 AM ET.

A partire dall’ordine stabilito via sorteggio nella nottata italiana, verranno definite in maniera definitiva le posizioni dalla 13 alla 33, mentre i primi 12 domenica si disputeranno la pole position fino al Fast Six shootout.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

I risultati del Fast Friday

Power

IndyCar – Sato ancora il più veloce a Indy

Dopo lo stop di ieri, le 33 vetture iscritte alla 106ma Indy 500 hanno potuto calcare la pista. Come nel primo giorno, ancora una volta è stato Takuma Sato il più veloce, alla media di 227.519 mph, e come martedí Scott Dixon insegue da vicino, a capo della pattuglia Ganassi che vede Jimmie Johnson in P5 e Marcus Ericsson in P7.

Nel mezzo, David Malukas, a riprova ce ne fosse bisogno che in casa Dale Coyne Racing si è molto preparati per il main event, JR Hildebrand (foto sotto) con la terza vettura del Team Foyt, migliore delle macchine motorizzate Chevy, e Pato O’Ward.

Hilde2

Tra i tempi “no tow” il primato va a Will Power (nella foto di copertina), al top con 224.325 mph, ma in evidenza c’è sempre l’Ed Carpenter Racing, con Rinus VeeKay unico altro pilota ad andare oltre le 224 miglia orarie, ed il patron Ed Carpenter subito dietro.

Venerdí si aumenteranno le potenze per il Fast Friday, che preparerà le vetture alle qualifiche di sabato e domenica, che ricordiamo porteranno anche punti in classifica generale. L’azione in pista domani riprenderà al mezzogiorno ET sino alle 6.00 PM ET. A seguire il sorteggio per l’ordine di uscita nelle qualifiche.

Per l’Italia ancora nessun collegamento ufficiale, nemmeno sulla pay-tv, ma potrete seguire la radiocronaca con la lista dei tempi su https://racecontrol.indycar.com/.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

I risultati del Day 3

51822-JBLACK-RAIN-11

IndyCar – La pioggia cancella il Day2 a Indianapolis

Dopo quattro ore di attesa in attesa, la direzione gara dell’Indianapolis Motor Speedway ha deciso di annullare la seconda giornata di prove libere della Indy 500.

La pioggia ha iniziato a cadere copiosa poco prima dell’inizio della sessione, prevista per le 12 PM ET, impedendo alle 33 vetture di compiere un solo giro. Per le statistiche, si tratta della prima cancellazione totale dal 2016.

Le libere riprenderanno domani, giovedí, dalle 12 PM ET, e continueranno sino alle 6.00 PM ET. Si tratterà dell’ultima sessione utile prima del Fast Friday di venerdí, allorchè le potenze dei motori verranno innalzate in funzione delle qualifiche di sabato e domenica. La pioggia potrebbe rifare capolino proprio nel weekend.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

05-17-Sato-Practice

IndyCar – Sato apre le libere della Indy 500

Takuma Sato apre al meglio all’Indianapolis Motor Speedway. Il due volte vincitore della Indy 500 ha proiettato nel finale di sessione la sua DW12-Honda alla media monstre di 228.939, scalzando dalla cima della lista dei tempi l’accoppiata del Team Ganassi formata da Scott Dixon e Marcus Ericsson, che aveva invece dominato al mattino, riservata ai “veteran”.

Il sei volte campione è comunque secondo anche nella sessione pomeridiana, a precedere nientemeno che Jimmie Johnson ed ancora Marcus Ericsson.

Unico a spezzare la supremazia delle vetture motorizzate Honda nel Day 1, Rinus VeeKay, P5 e migliore tra i tempi senza traino in scia, a sua volta davanti ad una quarta macchina del Team Ganassi, quella dl campione in carica della serie, Alex Palou. Il podio dei “no tow” si completa col patron Ed Carpenter e, toh, ancora Jimmie Johnson, che potrebbe rivelarsi la vera sorpresa del weekend.

JJTW

Tra i rookie, oltre al già nominato JJ, settimo tempo per David Malukas, segno che il Dale Coyne Racing si presenta preparato a questa 106ma edizione del “Greatest Spectacle in Racing”, e undicesima per Devlin deFrancesco, a sua volta dietro al redivivo Marco Andretti, i migliori del loro team.

Le sessioni sono state interrotte per tre volte: due per detriti in pista e una per la presenza di una volpe.

Il programma prosegue oggi, mercoledì alle 12.00 PM ET di oggi sino alle 6.00 PM. Al momento non risultano sui canali Sky, nonostante il contratto con Peacock. appuntamenti televisivi riguardanti le libere e le qualifiche se non per lo shootout che definirà le prime 4 file domenica 22 maggio.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar, Jimmie Johnson Twitter

I risultati della sessione del mattino, Day1

I risultati della sessione del pomeriggio, Day1

05-15-Lights-Start

Indy Lights – Frost e Lundqvist, uno a uno ad Indianapolis

Nel vasto programma motoristico del weekend c’era anche il primo doubleheader Indy Lights dell’anno sullo stradale di Indianapolis. Le due gare hanno avuto un andamento completamente diverso con due diversi vincitori.

Venerdí Danial Frost è riuscito a prendere le redini della gara su Hunter McElrea al lap 9 di 35 fino ad involarsi verso il traguardo. La partenza della gara però vedeva i due rivali, Linus Lundqvist e l’arrembante Christian Rasmussen, che si piazzava immediatamente dietro al capolista scavalcando McElrea.

AA9I1071.JPG

La lotta però terminava presto a causa di contatto che lasciava entrambi nelle retrovie. La rimonta premiava l’alfiere dell’Andretti Autosport, P4 dietro Sting Ray Robb davanti a Lundqvist, mentre davanti a tutti il nativo di Singapore poteva gioire per il primo trionfo nella serie cadetta.

Musica completamente diversa il sabato per gara 2, con Lundqvist ben attento a non lasciare spazio per tutta la gara, che è stata divisa in due tronconi distinti a causa delle avverse condizioni meteo. I 14 drivers, qui con Ryan Phinny in seno all’Abel Motorsports al posto di Antonio Serravalle, neoacquisto HMD dopo il divorzio da Manuel Sulaiman, si sono ritrovati in macchina quasi 6 ore dopo lo start per concludere gli ultimi 23 giri.

05-14-Lundqvist

Lundqvist ha dominato anche su pista bagnata, portandosi a casa la seconda vittoria stagionale davanti a Rasmussen, Sting Ray Robb e Benjamin Pedersen. Ottima prestazione di Jacob Abel, quinto al traguardo partendo dalla nona piazzola, mentre Matthew Brabham, secondo prima dell’interruzione, chiudeva in P9 dopo l’uscita di strada al lap 17.

Da segnalare inoltre l’annuncio, giunto a ridosso del weekend di Indianapolis, che il Team Ganassi ha messo sotto contratto la giovane promessa Kyffin Simpson, 17 anni nativo delle Cayman, ora in forza al TJ Speed Motorsports e già campione della Formula Regional Americas, con durata pluriennale.

In classifica generale, ora Lundqvist conduce con 175 punti contro i 141 di Frost ed i 137 di Robb. Prossimo appuntamento con l’Indy Lights, il 4-5 giugno sul cittadino di Detroit-Belle Isle per un altro doubleheader.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo di Gara 1

L’ordine di arrivo di Gara 2

Foto: Indy Lights

Start

IndyCar – Herta re della pioggia a indy

Colton Herta conquista la sua prima vittoria del 2022, che parentesi è anche la prima per Honda e per il team Andretti nel GMR Indy GP. Undici diversi leader, otto neutralizzazioni e la pioggia a farla da padrona hanno reso la gara epica e mostrato al pubblico internazionale che per una volta anche il tracciato ricavato dall’infield dell’IMS puó diventare spettacolare.

La pioggia, questo nemico del motorsport “che conta” infatti ha giocato come sempre a favore dei migliori, e non a caso dietro Herta si piazzano Simon Pagenaud, risalito dalla 20ma piazzola, e Will Power, partito dalla pole ma attento come non mai a portare a casa il risultato che lo catapulta in cima alla classifica della serie.

Altro protagonista Marcus Ericsson, balzato dalla 18ma posizione dello start sino in fondo al gruppo e poi alla leadership e poi ancora giù per terminare quarto. A seguire un Conor Daly completamente rinvigorito dall’aria di casa, P5 e poi Callum Ilott ottavo, col miglior risultato di sempre per il Juncos Hollinger.

Protagonisti assoluti anche al team McLaren Arrow SP, con Pato O’Ward a lungo nelle posizioni di testa ma poi colpevole di un contatto fratricida con Felix Rosenqvist, un altro che riesce a dare del tu alla pioggia, e Juan Pablo Montoya. Lo svedese risalirà la china sino alla sesta piazza, quella che invece il colombiano perderà a poche tornate dalla fine, chiamando in causa l’ultima delle safety car a pista allagata.

Nel mezzo, una notevole quantità di testacoda e di uscite di strada, ma alla fine saranno incredibilmente solo tre a non chiudere la gara, oltre Montoya, Kyle Kirkwood e Dalton Kellett.

L’obiettivo ora si sposta sulla “Big one”, la 106ma Indy 500 che già martedí vedrà i 33 piloti iscritti in pista per le prime libere, in attesa delle qualifiche di sabato e domenica prossima e ovviamente, della gara di domenica 29 maggio.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo

Foto: IndyCar

05-13-Power-P1

IndyCar – Power torna in pole nell’Indy GP

Nella convulsa schedule del GMR Indy Grand Prix, che prevedeva due sessioni di libere e le qualifiche, era facile potesse emergere colui che fin qui ha raccolto il meglio dallo stradale dell’IMS.

Will Power infatti qui ha vinto la bellezza di cinque volte e fino ad oggi aveva raccolto altrettante pole position, che dopo la prestazione odierna salgono a sei, la 64 di sempre e la prima del 2022.

Le due sessioni di libere hanno visto primeggiare Alex Palou e Pato O’Ward, altri due protagonisti delle qualifiche, col campione in carica che affiancherà Power in prima fila, mentre il vincitore di Barber Park si dovrà accontentare della quinta piazzola, al fianco del compagno di squadra Felix Rosenqvist.

Nel mezzo il “solito” Josef Newgarden, il quale è riuscito a risollevarsi dalle problematiche tecniche riscontrate nel secondo turno, e la sorpresa Conor Daly, alla miglior prestazione di sempre in qualifica.

Fuori dai primi sei tutto lo squadrone Andretti, col solo Romain Grosjean, in pole qui lo scorso anno, tra i primi dodici. Colton Herta ed Alexander Rossi infatti non hanno passato il primo turno, cosí come Devlin De Francesco, e partiranno dalla settima, ottava e nona fila.

Ottava fila anche per il vincitore dello scorso anno, Rinus VeeKay, mentre il rientrante Juan Pablo Montoya, costretto al double questo weekend con l’impegno a Mid-Ohio per la serie IMSA, non è andato oltre la 23ma prestazione.

Ottimo risultato invece per Callum Ilott ed il Juncos Hollinger Racing. La DW12-Chevy #77, seconda nel primo turno di libere, ha sfiorato una storica Fast Six, col giovane britannico fuori per appena 143 millesimi nei confronti di Daly.

Pessima qualifica infine per due veterani quali Scott Dixon ed Helio Castroneves. Entrambi hanno sostenuto problemi di diverso genere nelle libere-1: un principio d’incendio per il sei volte campione ed un testacoda con una susseguente bandiera rossa per l’ultimo vincitore della Indy 500.

Domani lo start del GMR Grand Prix alle 3.20 PM ET pari alle 21.20 italiane con possibilità di pioggia a rimescolare le carte. Diretta in pay-tv sui canali Sky.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1 

I risultati delle Libere 2

I risultati delle Qualifiche

Foto: IndyCar