Archivi tag: Meyer Shank Racing

07-03-Calderon-To-Test-Foyt-MID

IndyCar – Sorpresa: terza macchina di Foyt per Tatiana Calderon

Con un comunicato assolutamente inaspettato, il team Foyt ha annunciato l’ingaggio di Tatiana Calderon su una terza DW12-Chevy.

L’accordo è stato possibile grazie allo sponsor Rokit, che espanderà la sua presenza anche sulla vettura #14 destinata a Kyle Kirkwood, che comporrà una line-up giovanissima che comprende anche Dalton Kellett.

La Calderon, la quale aveva già provato una monoposto IndyCar lo scorso autunno, nelle ultime due stagioni ha fatto parte del team al femminile di Richard Mille Racing, col quale ha disputato prima l’ELMS e poi il WEC, partecipando per due volte alla 24 Ore di Le Mans, ma portando avanti anche il ruolo di test driver Alfa Romeo in F1, già suo dal 2018.

Per la pilotessa colombiana, che gareggerà solo sui circuiti stradali e cittadini, si tratta comunque di un ritorno alle origini, poiché la sua carriera in monoposto prese il via proprio nell’allora StarMazda nelle stagioni 2011-2011 col team Juncos.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

01-14-Daly-Car

IndyCar – A Conor Daly la seconda vettura dell’ECR

Conor Daly sarà della partita anche nell’IndyCar Series 2022 con l’Ed Carpenter Racing. Il 30enne driver di Noblesville ha infatti scalzato la concorrenza aggiudicandosi il volante full-time della DW12-Chevy #20.

Daly, che nelle ultime due stagioni aveva saltabeccato fra l’ECR ed il team Carlin, dovendo fare spazio sugli ovali al patron Ed ma sfruttando nel contempo le assenze di Max Chilton, avrà quindi la possibilità di disputare tutta la stagione con lo stesso team, cosa che non gli accadeva dal biennio 2016-2017 con Dale Coyne e Team Foyt rispettivamente.

Ricordiamo che la permanenza del figlio d’arte nel team era stata messa a rischio dall’abbandono dello sponsor principale U.S.Air Force al termine della stagione passata.

Ed Carpenter, tre volte polesitter ad Indianapolis, si affiancherà con la terza vettura del team a Daly e a Rinus VeeKay per la 106ma edizione del Greatest Spectacle in Racing, e potrebbe sfruttare anche le rimanenti corse su ovale del Texas, Iowa e Gateway con l’opportuna copertura economica.

Daly_ECR2

L’annuncio odierno, che va a coprire l’ultimo volante full-time libero della serie, lascia poche speranze di essere in pista nel 2022 ad un altro dei recenti grandi appiedati, Ryan Hunter-Reay. Al momento infatti, l’unico sedile disponibile è quello della terza vettura del Meyer Shank Racing, un programma part-time che potrebbe anche non concretizzarsi, cosí come la seconda macchina del Team Juncos in partnership col Carlin.

Piero Lonardo

Foto: Ed Carpenter Racing

IL_sched

Indy Lights – Ecco la schedule 2022

Reso finalmente noto il calendario dell’Indy Lights Series 2022. La serie cadetta consterà di solo 14 gare contro le 20 della stagione passata, e vi saranno solamente tre doubleheader.

Si inizierà a St.Petersburg il 27 febbraio, lo stesso giorno del Grand Prix IndyCar, per poi proseguire dopo oltre due mesi, il 1º maggio, a Barber Park, ancora una volta nella medesima giornata della serie maggiore, come la gran parte delle prove 2022.

A maggio il primo dei doubleheader, il 13 ed il 14, presso il circuito stradale di Indianapolis (anche quest’anno niente Freedom 100 all’IMS), poi ancora il doppi appuntamento a Detroit-Belle Isle, il 4-5 giugno.

Il giro di boa a Road America, il 12 giugno, sempre in concomitanza con l’IndyCar, quindi ancora gare singole a Mid-Ohio il 3 luglio e la prima delle due sole prove su ovale, in Iowa, il 23.

L’Indy Lights debutterà poi a Nashville il 7 agosto ed il 23 affronterà la seconda ed ultima prova su ovale a Gateway il 20. Il gran finale sulla costa ovest a Portland il 4 settembre per concludersi con l’ultimo doubleheader di Laguna Seca del 10-11 settembre.

Previste anche le date dei test collettivi, previsti sul circuito stradale di Indianapolis martedí 5 aprile e sui due ovali di Gateway il 15 giugno e in Iowa il 22 giugno.

La grande incognita rimane però sempre l’entry list: al momento sono infatti previste solo 12 vetture schierate da 5 squadre.

Assenti un paio di capisaldi quali Juncos Racing e Carlin, Andretti Autosport ha ufficializzato la sua line-up completa, formata ancora una volta da quattro vetture. A cercare di bissare il titolo 2021 Sting Ray Robb, alla seconda stagione, il campione in carica Indy Pro Christian Rasmussen e da Hunter McElrea, terzo lo scorso anno nella stessa serie. A questi si è aggiunto Matthew Brabham, che torna nella serie a distanza di sette anni dall’ultima apparizione.

L’HMD proporrà il terzo classificato del 2021, Benjamin Pedersen, in partnership col Global Racing Group, e i due sophomores Danial Frost e Christian Bogle. Infine, mentre Exclusive Motorsport, protagonista in Indy Pro, deve ancora confermare la propria line-up, con Braden Eves e Artem Petrov fra i favoriti ad occupare i due sedili disponibili.

Infine, le altre due novità, Abel Motorsports con un’unica vettura per Jacob Abel ed il TJ Speed Motorsports con Kyffin Simpson e l’irlandese James Roee Jr.

Piero Lonardo

Foto: Indy Lights

NTT IndyCar Series

IndyCar – Montoya ci riprova a Indy con McLaren

Juan Pablo Montoya tenterà un nuovo assalto alla Indy 500 col team  Arrow McLaren SP. Il 46 enne colombiano tenterà con la terza Dallara-Chevy del team, contraddistinta dal #6, di aggiungere il terzo sigillo, dopo le vittorie del 2000 e del 2015, alla 106ma edizione del Greatest Spectacle in Racing del 29 maggio prossimo.

Per Montoya, oltre alla sua settima partecipazione a Indy, in programma anche il Grand Prix di due settimane prima. Ricordiamo che Montoya è atteso ad una stagione completa nel WeatherTech SportsCar Championship con l’Oreca LM P2 del DragonSpeed insieme ad Henrik Hedman e al figlio Sebastian.

Piero Lonardo

Foto: Arrow McLaren SP

940x564_DALLARA_IC_WEB

IndyCar – La serie prosegue con Dallara

L’IndyCar Series ha annunciato nella mattinata italiana di volere proseguire il proprio rapporto con Dallara anche nella realizzazione del nuovo telaio siglando un nuovo accordo pluriennale.

L’azienda di Varano de’ Melegari rimane cosí il fornitore di piú lunga data della serie, raggiungendo quota 26 anni nel 2022, unendosi a Honda e Chevrolet per i percorsi futuri.

La partnership con Dallara iniziò infatti nel 1997 con la fornitura delle cellule di sicurezza, rimanendo quale fornitore unico di telai a partire dal 2008 e della Indy Lights a partire dal 2015. Nel mezzo, la prima storica vittoria di Eddie Cheever alla Indy 500 del 1998.

Dopo l’introduzione dell’aerokit unico UAK18 tre anni or sono, il prossimo impegno comporterà l’adozione dei nuovi propulsori ibridi di 2,4 litri nel 2023 prima dell’introduzione del nuovo chassis, al momento prevista non prima del 2024.

“Dallara è un partner eccezionale e strumentale in qualsiasi cosa facciamo in pista. Una parte importante del successo e della crescita dell’IndyCar Series puó essere atrribuita direttamente alla collaborazione tra Dallara e l’intero paddock” ha affermato il Presidente dell’IndyCar, Jay Frye. “Questa estensione fornisce all’IndyCar e alle sue squadre continuità ed una piattaforma stabile mentre andiamo incontro al futuro.”

E una delle novità della serie sarà costituita dai pannelli segnalatori che, come nelle gare FIA, servirà a gestire meglio ed in modo piú sicuro le segnalazioni, finora amministrate dai marshal solo tramite le bandiere.

Il sistema, denominato EM Motorsports Marshalling System, sarà collegato direttamente alla direzione gara, cosí da permettere a Kyle Novak ed al suo team di azionare la segnalazione più opportuna, ottimizzando gli eventuali interventi di gara. Il sistema, che prevede anche il cosiddetto ADR – Accident Data Recorder – collegato anche agli accelerometri auricolari dei piloti, per ora non verrà utilizzato per gestire le Virtual Safety Car, anche se le stesse potrebbero essere inserite nelle prossime stagioni.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

11-01-Malukas

IndyCar – Malukas completa per Dale Coyne. JJ conferma un 2022 full-time

Ieri David Malukas ha coronato il proprio sogno e diventerà un pilota IndyCar col Dale Coyne Racing.

Il giovanissimo vicecampione dell’ultima stagione dell’Indy Lights ha formalizzato ieri il contratto che lo lega per tutto il 2022 alla DW12-Honda #18, che verrà gestita in partnership con l’HMD Motorsports.

HMD2022

Nel 2021 Malukas, che aveva già provato una monoposto della serie maggiore nelle scorse settimane, ha conseguito ben sette vittorie e nove podi su venti gare nella serie cadetta.

Un’altra notizia della giornata – a dire il vero si tratta di una conferma – riguarda invece Jimmie Johnson, che correrà tutta la stagione, ovali compresi, col Team Ganassi.

12-15-JimmieIl sette volte campione NASCAR lo scorso anno ha disputato le dodici gare su stradali e cittadini, conseguendo quale miglior risultato il 17mo posto nelle due ultime gare di Laguna Seca e Long Beach. Tony Kanaan, che lo ha sostituito nelle quattro gare su ovali, dovrebbe comunque disputare la sua 21ma Indy 500 sulla quinta vettura del team campione in carica.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar, DCR

12-9-21-Sato

IndyCar – Sato non molla e si accasa con Dale Coyne

Takuma Sato non ci sta ad appendere il casco al chiodo e si appresta a disputare una nuova stagione dell’IndyCar Series, la sua 13ma stagione con Dale Coyne Racing.

Di poche ore fa l’annuncio ufficiale che lega il 44enne nipponico, ricordiamo due volte trionfatore alla Indy 500, per tutto il 2022 con la vettura #51, gestita in partnership col Rick Ware Racing.

Allo stato attuale questa è l’unica entry schierata dal team dopo l’abbandono dell’altro partner Vasser Sullivan, in assenza di news riguardo l’ingaggio del vicecampione Indy Lights, David Malukas, che porterebbe a 15 le entry full-season Honda contro le sole 10 motorizzate Chevrolet. Per il marchio del farfallino si attendono peró le determinazioni delle nuove squadre quali Paretta Autosport, Top Gun e Cusick Motorsports e le eventuali ulteriori vetture che verrebbero schierate, con programmi completi o parziali, da Meyer Shank Racing, McLaren Arrow SP e Juncos Hollinger.

Juncos_livery

Proprio quest’ultima squadra ha presentato i nuovi colori per la macchina #77 di Callum Ilott. Il giovane inglese è stato uno dei protagonisti dei recenti test di Sebring, dove a brillare però è stato Nick de Vries sulla vettura messa a disposizione dall’MSR. Dei quattro prospetti invitati il più atteso, Stoffel Vandoorne, è stato quello che ha girato di più ma si è dovuto accontentare della terza piazza davanti a Jack Aitken con la monoposto dell’Ed Carpenter Racing.

Alla fine quello part-time della DW12-Chevy #20 è l’unico sedile sicuramente ancora a disposizione per la folta schiera di pretendenti, che comprende tra gli altri Ryan Hunter-Reay e Conor Daly.

Infine, di pochi minuti fa l’annuncio che vede Sage Karam e Santino Ferrucci entrambi col Dreyer & Reinbold per la 106ma Indy 500. Per Karam si tratta della partecipazione numero 9 al Greatest Spectacle in Racing,  la quarta invece per Ferrucci, che nelle tre precedenti apparizioni ha sempre finito nella top ten, con l’highlight del quarto posto nel 2020 con Dale Coyne.

Piero Lonardo

Foto:IndyCar, Juncos Hollinger

Aitken

IndyCar – Anche Aitken ai test di Sebring. Kellett rinnova con Foyt. Cambiano le qualifiche?

L’IndyCar Series continua ad attirare – per amore o per forza – piloti provenienti dai campionati FIA, e l’ultimo della serie è Jack Aitken.

La 26enne promessa britannica, reduce dalla quarta stagione in F2, dove ha conquistato quattro vittorie e nel 2019 si è classificato al quinto posto assoluto, si accomoderà sulla DW12-Chevy dell’Ed Carpenter Racing, ancora alla ricerca di un pilota part-time (e di sponsor) da affiancare al patron Ed nei circuiti stradali e cittadini.

Aitken, che dopo due stagioni da test driver Renault F1 ha portato in gara la Williams nel season finale del 2020 in Bahrain, si confronterà lunedì prossimo a Sebring con una serie di giovani leoni, primo fra tutti Stoffel Vandoorne, oggetto di valutazione sulla McLaren, ma anche il campione Formula E in carica Nicky de Vries sulla vettura del Meyer Shank Racing ed il connazionale Callum Ilott, altra aggiunta dell’ultimo momento ai test, sulla vettura del Juncos Hollinger con la quale disputerà l’intera prossima stagione.

12-01-Kellett

Nel 2022 rivedremo inoltre Dalton Kellett sulla DW12-Chevy del Team Foyt. Il 28enne canadese, che nelle ultime due stagioni non è mai andato oltre la 12ma piazza, si affiancherà quindi al campione in carica Indy Lights Kyle Kirkwood e va ad occupare uno degli ultimi sedili liberi della serie.

Un’ultima notizia dell’ultima vuole che la serie stia valutando di modificare il format delle qualifiche nei circuiti stradali e cittadini. In funzione di un potenziale incremento delle macchine in griglia infatti, i due gruppi in cui viene normalmente suddiviso il Q1 potrebbero infatti essere estesi a tre, allo scopo di permettere ad ogni pilota di ottenere un giro pulito cosa che, specie nei tracciati cittadini o di corto kilometraggio, aspetto che già ultimamente veniva spesso messo a rischio.

Lohla

A questa griglia espansa, che dovrebbe contare almeno 27-28 macchine full-time o con programmi parziali, come già anticipato su queste pagine si dovrebbe aggiungere il Cusick Motorsports, che ha rinnovato ieri l’accordo col partner Lohla Sport al fine di schierare Stefan Wilson in altri appuntamenti oltre alla Indy 500.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar, Jack Aitken, Cusick Motorsports

Vand_gd

IndyCar – Vandoorne e De Vries a Sebring il 6 dicembre. Un bel problema per Ed Carpenter

Come già anticipato su queste pagine, Stoffel Vandoorne, nuovo oggetto del desiderio dell’Arrow McLaren SP, proverà presto una monoposto del team.

Data e location del test sono state confermate oggi nell’ambito dei test collettivi di Sebring del 6 dicembre prossimo.

Vandoorne, ex-pilota McLaren in F1, è in lista per guidare la terza DW12-Chevy arancio papaya durante alcuni round del 2022 e full-time nel 2023, allorquando il 29enne pilota belga sarà libero dagli impegni ufficiali del team Mercedes di formula E.

DeVries

Curiosamente, anche l’altro driver del team tedesco, Nicky de Vries, è atteso nel medesimo test, ma col Meyer Shank Racing.

La squadra dell’Ohio, ricordiamo vincitrice dell’ultima Indy 500, nonchè in procinto di partire per la sua prima stagione full-time con due vetture, ha comunque precisato di non avere piani immediati per il campione del mondo in carica delle monoposto elettriche, il quale ha affermato a propria volta di “non vedere l’ora di fare questa nuova esperienza e di vedere dove ci (notare il plurale-ndr) potrà portare”.

Daly_USAF

Problemi invece per Ed Carpenter, data la partenza dello sponsor US Air Force, che finanziava la DW-Chevy #20 condivisa dal team owner e da Conor Daly, che aveva portato con se’ l’appoggio dell’aeronautica statunitense dal team Coyne.

La decisione – ha reso noto Daly ad un noto media USA – ci era nota da un po’, e ho già altri sponsor che possono subentrare in caso di stop dell’Air Force. Ad ogni modo, Ed è stato trasparente nei miei confronti riguardo gli altri piloti che sta valutando, e se porteranno più di quanto posso fare io, deciderà lui. La mia priorità comunque è rimanere con Ed.” ha concluso il popolare figlio d’arte, che potrebbe comunque disputare almeno la prossima Indy 500 con la terza vettura del team.

Piero Lonardo

Foto: McLaren F1, MSR, IndyCar

11-10-Kirkwood-Foyt

IndyCar – Kirkwood da Foyt, DeFrancesco per Andretti, niente da fare per Hulkenberg

La griglia di partenza dell’IndyCar Series 2022 si va a delineare con la notizia dell’ingaggio ufficiale di Kyle Kirkwood presso il team Foyt per tutta la stagione.

Il neocampione Indy Lights occuperà il posto che è stato nell’ultima stagione di Sebastien Bourdais sulla DW12-Chevy #14. Ricordiamo che Kirkwood, 23 anni appena compiuti, ha scalato tutta la filiera Road to Indy aggiudicandosi tutti e tre i titoli in palio a partire dal 2018, l’ultimo dei quali con l’Andretti Autosport, squadra che, dopo il test di Indianapolis, ha lasciato cadere l’opzione che vantava sul pilota.

11-04-DeFrancesco-Andretti-SteinbrennerPresso Andretti si è invece accasato come da copione Devlin de Francesco, che dopo una buona stagione nella IndyPro nel 2020, secondo dietro l’inarrivabile Sting Ray Robb, ha fatto da comparsa nella serie cadetta, conquistando appena due podi nelle 20 gare in programma e terminando sesto nella graduatoria finale. Il 21enne canadese prenderà il posto del connazionale James Hinchcliffe sulla DW12-Honda #29.

Niente Hulkenberg invece per l’Arrow McLaren SP. Il 34enne tester Aston Martin F1 dopo il test di Barber Park con la monoposto di Zak Brown ha reso noto di voler continuare a correre in Europa per la prossima stagione. Per il team, che ha in programma una terza entry part-time per la prossima stagione per poi correre full-time nel 2023 con tre macchine, svanita anche la chance Kirkwood, rimane aperta l’opzione Vandoorne, che dovrebbe provare la vettura nel corso dell’inverno.

Il Team Ganassi ha invece annunciato di voler schierare cinque macchine alla prossima Indy 500. Jimmie Johnson dopo l’anno di apprendistato dovrebbe iniziare a calcare anche gli ovali, e per rispettare il contratto assunto con Tony Kanaan, che prevedeva due anni di gare sugli ovali, Chip Ganassi dovrà schierare una quinta monoposto oltre a quelle previste per Scott Dixon, Alex Palou e Marcus Ericsson.

Sempre piú vicina infine la joint venture tra Carlin e Juncos Hollinger per portare una seconda entry. Il van del team inglese è stato infatti avvistato nei giorni scorsi presso la sede del patron argentino.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar