Archivi tag: Paretta Autosport

IL_sched

Indy Lights – Ecco la schedule 2022

Reso finalmente noto il calendario dell’Indy Lights Series 2022. La serie cadetta consterà di solo 14 gare contro le 20 della stagione passata, e vi saranno solamente tre doubleheader.

Si inizierà a St.Petersburg il 27 febbraio, lo stesso giorno del Grand Prix IndyCar, per poi proseguire dopo oltre due mesi, il 1º maggio, a Barber Park, ancora una volta nella medesima giornata della serie maggiore, come la gran parte delle prove 2022.

A maggio il primo dei doubleheader, il 13 ed il 14, presso il circuito stradale di Indianapolis (anche quest’anno niente Freedom 100 all’IMS), poi ancora il doppi appuntamento a Detroit-Belle Isle, il 4-5 giugno.

Il giro di boa a Road America, il 12 giugno, sempre in concomitanza con l’IndyCar, quindi ancora gare singole a Mid-Ohio il 3 luglio e la prima delle due sole prove su ovale, in Iowa, il 23.

L’Indy Lights debutterà poi a Nashville il 7 agosto ed il 23 affronterà la seconda ed ultima prova su ovale a Gateway il 20. Il gran finale sulla costa ovest a Portland il 4 settembre per concludersi con l’ultimo doubleheader di Laguna Seca del 10-11 settembre.

Previste anche le date dei test collettivi, previsti sul circuito stradale di Indianapolis martedí 5 aprile e sui due ovali di Gateway il 15 giugno e in Iowa il 22 giugno.

La grande incognita rimane però sempre l’entry list: al momento sono infatti previste solo 12 vetture schierate da 5 squadre.

Assenti un paio di capisaldi quali Juncos Racing e Carlin, Andretti Autosport ha ufficializzato la sua line-up completa, formata ancora una volta da quattro vetture. A cercare di bissare il titolo 2021 Sting Ray Robb, alla seconda stagione, il campione in carica Indy Pro Christian Rasmussen e da Hunter McElrea, terzo lo scorso anno nella stessa serie. A questi si è aggiunto Matthew Brabham, che torna nella serie a distanza di sette anni dall’ultima apparizione.

L’HMD proporrà il terzo classificato del 2021, Benjamin Pedersen, in partnership col Global Racing Group, e i due sophomores Danial Frost e Christian Bogle. Infine, mentre Exclusive Motorsport, protagonista in Indy Pro, deve ancora confermare la propria line-up, con Braden Eves e Artem Petrov fra i favoriti ad occupare i due sedili disponibili.

Infine, le altre due novità, Abel Motorsports con un’unica vettura per Jacob Abel ed il TJ Speed Motorsports con Kyffin Simpson e l’irlandese James Roee Jr.

Piero Lonardo

Foto: Indy Lights

Vand_gd

IndyCar – Vandoorne e De Vries a Sebring il 6 dicembre. Un bel problema per Ed Carpenter

Come già anticipato su queste pagine, Stoffel Vandoorne, nuovo oggetto del desiderio dell’Arrow McLaren SP, proverà presto una monoposto del team.

Data e location del test sono state confermate oggi nell’ambito dei test collettivi di Sebring del 6 dicembre prossimo.

Vandoorne, ex-pilota McLaren in F1, è in lista per guidare la terza DW12-Chevy arancio papaya durante alcuni round del 2022 e full-time nel 2023, allorquando il 29enne pilota belga sarà libero dagli impegni ufficiali del team Mercedes di formula E.

DeVries

Curiosamente, anche l’altro driver del team tedesco, Nicky de Vries, è atteso nel medesimo test, ma col Meyer Shank Racing.

La squadra dell’Ohio, ricordiamo vincitrice dell’ultima Indy 500, nonchè in procinto di partire per la sua prima stagione full-time con due vetture, ha comunque precisato di non avere piani immediati per il campione del mondo in carica delle monoposto elettriche, il quale ha affermato a propria volta di “non vedere l’ora di fare questa nuova esperienza e di vedere dove ci (notare il plurale-ndr) potrà portare”.

Daly_USAF

Problemi invece per Ed Carpenter, data la partenza dello sponsor US Air Force, che finanziava la DW-Chevy #20 condivisa dal team owner e da Conor Daly, che aveva portato con se’ l’appoggio dell’aeronautica statunitense dal team Coyne.

La decisione – ha reso noto Daly ad un noto media USA – ci era nota da un po’, e ho già altri sponsor che possono subentrare in caso di stop dell’Air Force. Ad ogni modo, Ed è stato trasparente nei miei confronti riguardo gli altri piloti che sta valutando, e se porteranno più di quanto posso fare io, deciderà lui. La mia priorità comunque è rimanere con Ed.” ha concluso il popolare figlio d’arte, che potrebbe comunque disputare almeno la prossima Indy 500 con la terza vettura del team.

Piero Lonardo

Foto: McLaren F1, MSR, IndyCar

11-10-Kirkwood-Foyt

IndyCar – Kirkwood da Foyt, DeFrancesco per Andretti, niente da fare per Hulkenberg

La griglia di partenza dell’IndyCar Series 2022 si va a delineare con la notizia dell’ingaggio ufficiale di Kyle Kirkwood presso il team Foyt per tutta la stagione.

Il neocampione Indy Lights occuperà il posto che è stato nell’ultima stagione di Sebastien Bourdais sulla DW12-Chevy #14. Ricordiamo che Kirkwood, 23 anni appena compiuti, ha scalato tutta la filiera Road to Indy aggiudicandosi tutti e tre i titoli in palio a partire dal 2018, l’ultimo dei quali con l’Andretti Autosport, squadra che, dopo il test di Indianapolis, ha lasciato cadere l’opzione che vantava sul pilota.

11-04-DeFrancesco-Andretti-SteinbrennerPresso Andretti si è invece accasato come da copione Devlin de Francesco, che dopo una buona stagione nella IndyPro nel 2020, secondo dietro l’inarrivabile Sting Ray Robb, ha fatto da comparsa nella serie cadetta, conquistando appena due podi nelle 20 gare in programma e terminando sesto nella graduatoria finale. Il 21enne canadese prenderà il posto del connazionale James Hinchcliffe sulla DW12-Honda #29.

Niente Hulkenberg invece per l’Arrow McLaren SP. Il 34enne tester Aston Martin F1 dopo il test di Barber Park con la monoposto di Zak Brown ha reso noto di voler continuare a correre in Europa per la prossima stagione. Per il team, che ha in programma una terza entry part-time per la prossima stagione per poi correre full-time nel 2023 con tre macchine, svanita anche la chance Kirkwood, rimane aperta l’opzione Vandoorne, che dovrebbe provare la vettura nel corso dell’inverno.

Il Team Ganassi ha invece annunciato di voler schierare cinque macchine alla prossima Indy 500. Jimmie Johnson dopo l’anno di apprendistato dovrebbe iniziare a calcare anche gli ovali, e per rispettare il contratto assunto con Tony Kanaan, che prevedeva due anni di gare sugli ovali, Chip Ganassi dovrà schierare una quinta monoposto oltre a quelle previste per Scott Dixon, Alex Palou e Marcus Ericsson.

Sempre piú vicina infine la joint venture tra Carlin e Juncos Hollinger per portare una seconda entry. Il van del team inglese è stato infatti avvistato nei giorni scorsi presso la sede del patron argentino.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar

EXCLUSIVE AUTOSPORT 11-03-21

Indy Lights – Exclusive Autosport rinfoltisce i ranghi. Brillano le stelle del Chris Griffis Memorial

Exclusive Autosport ha confermato la sua presenza nell’Indy Lights Series 2022. La squadra canadese, che schiera già diverse vetture nella USF2000 e nella Indy Pro, era attesa nei ranghi della serie cadetta dopo aver acquistato un paio di IL-15 usate a fine 2018, già nel 2020, ma ha dovuto rivedere i propri piani a causa della pandemia.

Nell’ultima stagione della Indy Pro Exclusive Autosport ha vinto la classifica a squadre grazie ad Artem Petrov, Christian Brooks e Braden Eves, sfiorando il titolo con quest’ultimo, titolo poi andato al danese Christian Rasmussen.

Le stelle future della serie hanno brillato nei giorni scorsi nel corso del Chris Griffis Memorial Open Test. Nel corso della due giorni di Indianapolis si sono alternati 14 piloti. I

Indy Lightsl miglior tempo complessivo è stato segnato da Benjamin Pedersen con la vettura dell’HMD ed il tempo di 1.25.4619; a seguire Kyffin Simpson con una delle new entry TJ Speed Motorsports e Hunter McElrea, terzo classificato della Indy Pro, il migliore dell’Andretti Autosport. P4 per Matteo Nannini col Team Juncos Hollinger.

Da segnalare inoltre anche la buona prestazione di Jacob Abel, P9 alla prima presa di contatto con la IL-15 del team di famiglia, e del due volte campione della Stadium Super Truck, Matthew Brabham, di nuovo al volante delle vetture della serie cadetta dalla stagione 2015.

Malukas_test

Il giorno successivo è stato invece il turno dei tre migliori classificati della serie 2021, Kyle Kirkwood, David Malukas e Linus Lundqvist, i quali hanno provato le monoposto della serie maggiore.

Kirkwood aveva un’opzione col team Andretti per la prossima stagione, che però è scaduta, per cui il neocampione è ora libero di trovare un sedile fra quelli disponibili, grazie anche alla dote di 1,3 milioni di Dollari assicurata dalla serie.

Piero Lonardo

Foto: Indy Lights, Abel Motorsports, HMD Motorsports

Nannini

IndyCar – Matteo Nannini proverà per Juncos. I tre big dell’Indy Lights all’IMS. Vandoorne nuovo obiettivo McLaren ?

Fra pochi giorni si terrà il consueto Chris Griffis Memorial Open Test, ancora una volta presso l’Indianapolis Motor Speedway. L’evento riunirà i migliori prospetti delle classi propedeutiche (la cosiddetta Road to Indy) in funzione delle scelte per la stagione ventura.

Tra questi, Matteo Nannini, che proverà una monoposto Indy Lights del Juncos Hollinger. Nannini, che vanta la doppia cittadinanza italo-argentina ed è parente del ben più noto Alessandro, proviene da una stagione nella quale ha partecipato alla sua seconda stagione nel FIA F3, dove è giunto 14mo con una vittoria e un podio, collezionando anche 8 presenze complessive nel biennio in F2.

La line-up della categoria cadetta presenterà anche Manuel Sulaiman, Benjamin Pedersen, Danial Frost e Christian Bogle (questi ultimi due hanno corso nel 2021 per altre squadre) e la novità Ernie Francis, Jr. per l’HMD Motorsports. Sting Ray Robb dal canto suo lascerà il Juncos Hollinger Racing per accasarsi con l’Andretti Autosport per tutta la stagione 2022.

A valle del Chris Griffis Memorial, che si terrà il 30-31 ottobre prossimi, il test su di una monoposto IndyCar per i primi tre classificati della serie cadetta. Il neocampione Kyle Kirkwood e Linus Lundqvist proveranno una macchina dell’Andretti Autosport, mentre il secondo classificato David Malukas avrà a disposizione una DW12-Chevy del Team Penske. Il test è stato spostato a lunedí primo novembre a causa delle cattive previsioni meteo.

Proprio Team Penske ha confermato che non schiererà una quarta vettura nella prossima stagione, non sostituendo Simon Pagenaud, new entry all’MSR, che lo scorso anno ha corso al fianco di Will Power, Josef Newgarden e Scott McLaughlin. La decisione è stata motivata dal dover preparare il prossimo impegno in endurance con la nuova Porsche LMDh, e a tale scopo la squadra del Captain potrebbe iscrivere una Oreca LM P2 alla prossima stagione del WEC.

Hulk

Sempre nell’ambito della serie maggiore, l’Arrow McLaren SP non smette di pensare in grande, e dopo la prima presa di contatto da parte di Nico Hulkenberg (nella foto) di inizio settimana a Barber Park, ha in programma un test com Stoffel Vandoorne.

Il 29enne pilota belga, titolare in McLaren F1 nel 2017 e nel 2018, entrerebbe nei piani del team, che ambisce a schierare una terza vettura full-time a partire dal 2023, limitandosi ad alcune apparizioni nella prossima stagione.

Fallita l’ipotesi di sbarco in F1 da parte di Andretti ed Herta, un’altra novità di spessore minore potrebbe vedere Juncos Hollinger e Carlin unire le forze per schierare una seconda vettura. La soluzione potrebbe permettere al team inglese di non dover attendere ancora una volta i chiari di luna di Max Chilton e contemporanemente soddisfare il desiderio di Juncos di affiancare da subito una seconda entry a Callum Ilott.

Piero Lonardo

Foto: Juncos Hollinger, Arrow McLaren SP

10-20-Lundgaard

IndyCar – Fra realtà e fantasia, la off-season prosegue con Lundgaard al RLL

Si completa la line-up del Rahal Letterman Lanigan con Christian Lundgaard ad appropriarsi della DW12-Honda #30 che fu di Takuma Sato.

Il 20enne danese, membro dell’Alpine Academy, che già quest’anno ha dato prova di sè nel Big Machine GP di Indianapolis ha siglato un accordo pluriennale che lo vedrà ai nastri di partenza della serie sin dal season opener di St.Pete al fianco di Graham Rahal e dell’altra new entry Jack Harvey.

Attualmente Lundgaard è alla seconda stagione nella F2 con l’ART Grand Prix ed occupa l’11ma posizione in campionato con tre podi su 17 gare fin qui disputate. Lo scorso anno, sempre con la squadra di Nicolas Todt, aveva conquistato anche due vittorie, oltre a quattro podi che gli sono valsi il settimo posto finale.

Mentre Ryan Hunter-Reay, vedovo Andretti, vede sempre più vicino un sedile all’Ed Carpenter Racing, l’Arrow McLaren SP potrebbe mettere a segno un grande colpo con l’ingaggio nientemeno che di Nico Hulkenberg.

L’eterna incompiuta della F1 prenderà parte infatti lunedí prossimo ai test collettivi organizzati a Barber Park, e potrebbe aggiungersi a Felix Rosenqvist e a Pato O’Ward sulla terza vettura del team, almeno, cosí come fatto da Romain Grosjean nell’anno del debutto, per le gare sui circuiti stradali e cittadini.

Oltre al vincitore di Le Mans 2015, a Barber Park sono attesi anche Kyle Kirkwood e Devlin deFrancesco, che dovrebbero effettuare un secondo test, dopo un primo shakedown avvenuto mercoledí scorso sul corto di Sebring. Entrambi sono in lizza per il posto che dovrebbe essere lasciato libero da James Hinchcliffe.

I risultati (nonchè la scolarship di 1,3 milioni di Dollari) dovrebbero fare pendere la bilancia a favore di Kirkwood, ma c’è un’ulteriore pedina in ballo in questo complesso gioco del quindici.

Si tratta di Colton Herta, che potrebbe a sorpresa fare squadra con Valtteri Bottas qualora si concretizzasse l’acquisizione della Sauber F1 da parte di Michael Andretti. Questa è anche la settimana dell’U.S. GP di Formula 1 e si dovrebbe capire qualcosa di più dei seppur tanti rumors che stanno alimentando da settimane le pagine dei media.

OwardF1

Chi invece in F1 ci andrà davvero, anche se solo – per ora –  per un test, è invece Pato O’Ward, che recentemente si è recato a Woking per preparare il sedile della McLaren MCL35M che porterà in posta nei test collettivi di Abu Dhabi in dicembre.

Il test fa seguito ad un accordo col boss Zak Brown, il quale aveva promesso al giovane messicano, giunto terzo nell’ultima IndyCar Series dopo aver lottato a lungo per il titolo, un test in F1 dopo la prima vittoria, che è concretizata al Texas Speedway lo scorso maggio.

SWilsonUn altro team potrebbe infine entrare nei ranghi della serie a partire dalla prossima stagione. L’effort partirebbe da Don Cusick, recente sponsor di Stefan Wilson all’ultima Indy 500 sotto l’egida Lohla Racing, con la consulenza di Anders Krohn, ex promessa della Road to Indy e da tempo commentatore televisivo.

Il Cusick Motorsports nei prossimi due anni, caratterizzati dall’adozione dei nuovi motori 2,4 litri e del sistema ibrido, dovrebbe appoggiarsi ad una squadra preesistente, probabilmente il Carlin, che come al solito in questo periodo dell’anno sta cercando di capire le intenzioni di Max Chilton, prima di mettersi in proprio.

Ricordiamo che Paretta Autosport e Top Gun Racing sono le altre due squadre che stanno cercando di mettere insieme un programma full-time dopo i primi outing del 2021.

Piero Lonardo

Foto: IndyCar, Arrow McLaren SP, Stefan Wilson